spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Asl cerca 43 giovani per il servizio civile a Firenze. Tutti i dettagli

    I volontari potranno lavorare sull'accoglienza, nella comunicazione, con i detenuti o con gli anziani

    FIRENZE E TOSCANA – L’Azienda USL Toscana centro “cerca” 113 giovani, con un’età compresa tra i 18 e i 29 anni, residenti in Italia, da impiegare nel servizio civile per realizzare diciassette progetti nei territori di Empoli, Firenze, Pistoia e Prato. L'azienda sanitaria ha infatti, ottenuto l’approvazione ed il relativo finanziamento nell’ambito delle graduatorie dei progetti presentati per il servizio civile regionale.

     

    In particolare nell'area fiorentina si cercano 43 giovani volontari per questi progetti: "Carta sanitaria attiviamola per tutti insieme al fascicolo sanitario"; "accoglienza cittadini italiani e stranieri: comunicazione sanitaria ed interculturalità"; "accoglienza degli utenti ai percorsi e ai servizi ospedalieri dei presidi fiorentini"; "rendere possibile un percorso sanitario per adulti e minori negli istituti di pena"; "front-office per i servizi salute mentale infanzia e adolescenza: la costruzione di un punto unico aziendale per accogliere e orientare le famiglie"; "percorsi donna" e "la gestione dell’anziano nelle strutture sociosanitarie aziendali".

     

    Le domande dovranno essere presentate entro il 16 dicembre 2016. Il servizio civile avrà una durata di 8 mesi e i volontari percepiranno un assegno mensile pari a 433,80 euro.  
    Per informazioni sul sito della Regione,  su quello di Giovani sì  e su quello della Asf 
     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...