spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Stefania Saccardi consegna alla Misericordia i pacchi alimentari Coldiretti per famiglie bisognose

    Le famiglie sono state segnalate da Comuni e strutture di aiuto presenti nelle singole province: in quella di Firenze dalla Misericordia

    FIRENZE – Si è conclusa ieri a Firenze la consegna di 15 tonnellate di generi alimentari di Made in Italy alle famiglie povere preparati dagli agricoltori insieme a Campagna Amica, Filiera Italia e la partecipazione delle più rilevanti realtà economiche e sociali del Paese.

    Le famiglie sono state segnalate da comuni e strutture di aiuto presenti nelle singole province. Nel caso fiorentino i nuclei, a cui Coldiretti insieme a Campagna Amica, Filiera Italia, ha consegnato l’ultima fornitura di pacchi, sono stati segnalati dall’Arciconfraternita della Misericordia. 

    La vicepresidente e assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi ha partecipato alla consegna con il presidente Coldiretti Firenze Prato Roberto Nocentini e il provveditore della Misericordia Giovangualberto Basetti Sani. Con lei anche l’assessore del Comune di Firenze Sara Funaro

    “Credo – ha detto Saccardi ringraziando Coldiretti e l’Arciconfraternita della Misericordia – che in questo momento la povertà alimentare sia una tra le più insopportabili cui assistiamo. E’ pertanto un grande valore per la nostra regione riuscire a dare una mano a chi ne sta soffrendo, attraverso prodotti qualità che arrivano grazie alla meravigliosa filiera di produttori che Coldiretti riesce a mettere insieme”.

    “Degli oltre 500 pacchi alimentari di Coldiretti distribuiti direttamente alle famiglie in difficoltà della Toscana – ha rimarcato -questi ultimi 18 saranno a disposizione delle famiglie di Firenze. Abbiamo scelto, con l’assessore al welfare del Comune Sara Funaro e con la presidente della commissione comunale politiche sociali Mimma Dardano, che la distribuzione venga fatta dalla Misericordia, di cui conosciamo lo straordinario lavoro in aiuto alle famiglie del territorio e la dedizione con cui lo porta avanti”. 

    La pandemia ha reso la povertà un’emergenza ancora più diffusa. Secondo l’ultimo rapporto Caritas sono 121 mila le persone che vivono sotto la soglia di povertà, pari al 5,4% della popolazione.

    “Con questa nuova iniziativa, che si aggiunge alle molte organizzate e promosse su tutto il territorio in questi due anni molto difficili, abbiamo concretamente e direttamente aiutato circa 500 famiglie in grande difficoltà anche per l’aumento dei costi dei beni di prima necessità che in molti non si possono permettere”, ha spiegato Roberto Nocentini, presidente Coldiretti Firenze e Prato.

    “All’interno dei pacchi – ha spiegato – che contengono 30 chilogrammi di prodotti Made in Italy al 100%, sono presenti tutti i generi alimentari più importanti dove non mancano certo pasta, passata e olio extravergine di oliva, ed ancora legumi, prosciutto crudo, farina, il Grana Padano ed il Parmigiano Reggiano, il provolone ed il latte, i biscotti e gli omogenizzati”.

    “Contemporaneamente – ha concluso – vogliamo anche evidenziare le grandi eccellenze alimentari del Paese che hanno contribuito a fare grande il Made in Italy in Italia e all’estero e rappresentano una risorsa determinante da cui ripartire”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...