spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gli stranieri in Toscana sono 430 mila, 37 mila sono imprenditori

    Le cifre contenute nel "Libro bianco sull'accoglienza" edito dalla Regione Toscana. I richiedenti asilo sono il 3 per cento

    FIRENZE E TOSCANA – Sono poco più di 430.000 i cittadini stranieri presenti in Toscana, mentre i richiedenti asilo e rifugiati sono circa 20.000, ovvero il 3 per mille dell'intera popolazione residente.

     

    Sono queste alcune delle cifre su presenza e ruolo degli stranieri nella nostra regione rese note nel corso di un convegno che si è svolto presso la Facoltà di Architettura e nel complesso delle Murate a Firenze, organizzato da Regione e Anci Toscana e dedicato a "Mediazione interculturale e cittadini migranti: una nuova figura professionale per una società in trasformazione".

     

    Se i 20.000 nuovi arrivati rappresentano soltanto il 3 per mille dell'intera popolazione, sono 90.000 gli stranieri che lavorano in aziende attive in Toscana. E oltre 30.000 sono quelli che si sono rivolti ad uno dei numerosi Centri per l'impiego, nell'intento di trovare un lavoro.

     

    I datori di lavoro non italiani in Toscana sono aumento 37.000. Tante sono infatti le aziende attive in regione che hanno uno straniero come titolare.

     

    Sul fronte dell'utilizzo dei servizi, 55.000 bambini e giovani frequentano le scuole toscane di ogni ordine e grado e sono oltre 33.000 ogni anno gli stranieri che fanno ricorso alle strutture del servizio sanitario regionale.

     

    Si calcola poi che i lavoratori domestici stranieri (colf, badanti, ecc.) siano circa 57.000. Sono alcune delle cifre contenute nel "Libro bianco sull'accoglienza" edito dalla Regione Toscana.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...