spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Meno disoccupati nel trimestre luglio-settembre 2018. Toscana meglio del resto d’Italia

    Il tasso di disoccupazione scende da 8,1% a 6,1% rispetto al trimestre luglio-settembre 2017

    FIRENZE E TOSCANA – Il tasso di disoccupazione (ovvero le persone in cerca di occupazione sul totale delle persone che lavorano o sono in cerca di lavoro) scende da 8,1% del terzo trimestre (luglio-settembre) 2017 a 6,1% dello stesso periodo di quest'anno. Un calo, che prosegue la tendenza già delineatasi nel precedente trimestre, leggermente superiore rispetto a quello registrato in Italia nello stesso periodo (da 10,6% a 9,3%).

     

    Si registra, nello stesso periodo, un leggero aumento degli occupati (+7 mila unità), con una leggera diminuzione delle persone in cerca di occupazione (- 36 mila unità) e delle forze di lavoro (-29 mila unità).

     

    Sono alcuni dei dati sull'andamento del mercato del lavoro in Toscana che emergono dall'analisi, realizzata dall'Ufficio regionale di statistica della Regione Toscana, sui dati diffusi il 12 dicembre da Istat.

     

    Interessante il focus sul tasso di occupazione giovanile, 15-24 anni, disponibile però solo per macro aree (variazioni 3°trim. 2017 – 3°trim. 2018): in Italia diminuisce da 32,3% a 29,2% (maschi da 30,4% a 28,5% e femmine da 35,2% a 30,2%); nel Centro Italia diminuisce da 29,4% a 24,7% (maschi da 29,4% a 24,8%, e femmine da 29,4% a 24,7%). Il dato per la Toscana e le altre regioni viene diffuso solo annualmente.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...