spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Toscana, più risorse per la salvaguardia della fauna selvatica in difficoltà

    Aumentate con ulteriori 25mila euro le risorse a disposizione del servizio regionale di soccorso fauna, attualmente gestito dalla Asl Toscana Centro

    FIRENZE – Mantenendo l’impegno per la salvaguardia della fauna selvatica in difficoltà, la Regione Toscana ha aumentato con ulteriori 25mila euro le risorse a disposizione del servizio regionale di soccorso fauna che attualmente è gestito dalla Asl Toscana Centro.

    Il servizio consiste nel soccorso della fauna selvatica ferita e in difficoltà e si attiva in base a priorità, privilegiando le specie selvatiche a rischio (come rapaci e specie autoctone) contattando gli organi di vigilanza locale.

    Saranno questi ultimi ad attivare il servizio.

    Caso a sé, i cinghiali per i quali, essendo in corso l’emergenza legata alla peste suina africana, sono previsti speciali protocolli.

    “Per tutti i casi di difficoltà della fauna sia in ambienti naturali sia, come succede sempre più spesso, in ambienti antropici, sono stati formulati degli indirizzi operativi uniformi da tempo” spiega la vicepresidente regionale Stefania Saccardi.

    “Soccorrere un animale selvatico in difficoltà – riprende – è un gesto che necessita di linee guida di comportamento e procedure che garantiscano non solo maggiori possibilità di cura e recupero dell’animale soccorso ma anche l’incolumità di chi si trova ad intervenire per primo”.

    “La tutela e il recupero della fauna è una missione importantissima – conclude Saccardi – portata avanti con passione da tanti volontari e da personale qualificato. Che ogni giorno lavora per il benessere animale”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...