spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Turismo, Terranostra-Coldiretti Toscana: “Negli agriturismo stagione ai livelli pre Covid”

    Secondo l'indagine Coldiretti-Noto Sondaggi, dal quale si evidenzia che spesso l'agriturismo è scelto in abbinamento alla vacanza al mare o in montagna

    FIRENZE – Stagione ai livelli pre Covid nella campagna e nella montagna toscana dove sono tornati anche i turisti stranieri.

    Nelle strutture agrituristiche la loro presenza varia tra il 70% ed il 90% in questi mesi estivi. A dirlo sono Coldiretti Toscana e Terranostra che stimano insieme a presenze in crescita, rispetto alla scorsa stagione quando gli arrivi erano stati complessivamente tra luglio, agosto e settembre circa 260 mila, un andamento molto incoraggiante.

    “Le aspettative della vigilia sono state ampiamente rispettate fino a qui – analizza Luca Serafini, presidente Terranostra Toscana – Gli ospiti stranieri, che erano mancati alle nostre strutture, ai nostri borghi e alle nostre città, sono tornati. Così come sono una bella conferma i nostri connazionali”.

    Secondo l’indagine Coldiretti-Noto Sondaggi, dal quale si evidenzia che spesso l’agriturismo è scelto in abbinamento alla vacanza al mare o in montagna, durante l’estate oltre sette italiani su 10 (72%) andranno in agriturismo, per trascorrere le proprie vacanze o anche semplicemente per una gita nella giornata o per sedersi al tavolo e guastare specialità locali del territorio a chilometri zero.

    “In testa alle motivazioni che spingono gli italiani in agriturismo, c’è la voglia di contatto con la natura, mentre al secondo posto – secondo Coldiretti Toscana e Terranostra – c’è l’enogastronomia con la possibilità di gustare ricette trasmesse da generazioni nelle campagne a base dei prodotti genuini del territorio”. “

    “Molti agriturismo – precisano Coldiretti Toscana e Terranostra – si sono attrezzati per la giornata con l’offerta di alloggio e di pasti completi ma anche di colazioni al sacco o con la semplice messa a disposizione spazi per picnic, tende, roulotte e camper per rispettare le esigenze d’indipendenza di chi ama prepararsi da mangiare in piena autonomia ricorrendo eventualmente solo all’acquisto dei prodotti aziendali a chilometri zero di Campagna Amica”.

    Al terzo posto tra le motivazioni c’è la voglia di relax nel verde lontano dalle mete più affollate, ma c’è anche qualcuno che ha paura del  Covid e trova sicurezza nello stare in campagna e chi vuole fare attività sportiva.

    “I nostri agriturismo sono campioni di accoglienza e servizi ma anche di cultura ed intrattenimento contadino con tantissime attività collaterali che spaziano dai corsi di cucina al trekking, dalla visita in cantina alle degustazioni fino alla presentazione di libri” spiega ancora Serafini.

    “Grazie alla legge sulla multifunzionalità sostenuta da Coldiretti – rilancia – oggi una struttura su due organizza e propone attività collaterali tra le più diverse che rappresentano un nuovo valore aggiunto nella scelta della vacanza da parte dei turisti. La dinamicità ha fatto la differenza in pandemia e la farà sempre di più in futuro. Le attività negli agriturismi avvengono all’aria aperta, in mezzo alla natura e questo è stato, ed è tutt’oggi, un enorme vantaggio”.

    “Le nostre campagne – rimarca – sono diventate teatri naturali per tante iniziative culturali, dove sono fiorite attività che fanno scoprire le strutture, il territorio, la buona cucina e le tradizioni ponendo sempre al centro il ruolo dell’uomo per la salvaguardia della natura e della biodiversità. Gli agriturismi sono scuole di vita contadina  ma anche di cultura civile”. 

    Risultati che premiano la leadership nazionale per l’accoglienza rurale: la Toscana è la regione con il maggior numero di agriturismo con 5.406 strutture, numeri posti letto (85mila) e piazzole (1.942) e la regione con il maggior numero di strutture condotte da donne con una quota del 20% sul totale pari a 1.734 attività.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...