spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Poggibonsi, fiamme in azienda che si occupa di smaltimento rifiuti: c’è ordinanza del Comune

    In via precauzionale si chiede ancora ai residenti nell'area dell'incendio di tenere le finestre chiuse. Si vieta di consumare prodotti ortofrutticoli delle zone circostanti e a utilizzare acqua di pozzi limitrofi

    POGGIBONSI – Grave incendio a Poggibonsi, in località San Giorgio, in questa vigilia di Ferragosto.

    Le fiamme si sono sviluppate in una azienda che si occupa di rimozione, trasporto e smaltimento rifiuti (anche amianto): la Ecogest.

    Fiamme partite nella mattinata di oggi, sabato 14 agosto. E che fin da subito si sono dimostrate molto impegnative.

    I vigili del fuoco si sono diretti sul posto con squadre del comando di Siena e del distaccamento di Petrazzi. Poi affiancate da ulteriori rinforzi e da squadre delle associazioni del volontariato.

    Fra i primi a dare qualche informazione, il Comune di Barberino Tavarnelle. Interessato direttamente vista la vicinanza del rogo ai “confini” comunali.

    Che ha fatto sapere che “si è sviluppato un incendio in una azienda nel comune di Poggibonsi sulla strada che dalla rotatoria del Cipressino porta verso Monsanto. La colonna di fumo sta interessando anche parte del nostro territorio comunale”.

    “La polizia municipale – proseguiva la nota del Comune di Barberino Tavarnelle – è sul posto insieme alla Protezione Civile del Comune di Poggibonsi, ai vigili del fuoco e alle autorità competenti”.

    “Si suggerisce alla popolazione – si leggeva ancora – di tenere cautelativamente le finestre chiuse fino al termine dello spegnimento dell’incendio e della dispersione del fumo”.

    “Monitoriamo da vicino l’evolversi della situazione – concludeva la nota – e nelle prossime ore vi terremo aggiornati su quanto sta succedendo”.

    Attorno alle 19.30, ecco arrivare le comunicazioni ufficiali da parte del Comune di Poggibonsi.

    “L’incendio – spiega in una nota l’amministrazione comunale poggibonsese – è sotto controllo dal primo pomeriggio mentre gli accertamenti tecnici da parte di Arpat e Asl in merito all’impatto nelle aree circostanti sono ancora in corso”.

    “Sulla base di una apposita comunicazione – si legge ancora – inoltrata dal dipartimento di prevenzione della Asl a seguito di colloquio con i tecnici di Arpat, è stata firmata l’ordinanza con le disposizioni ritenute opportune”.

    “Pertanto – si annuncia – fino al completamento degli accertamenti e delle inerenti valutazioni da parte delle Autorità competenti: è obbligatorio tenere chiuse le finestre delle abitazioni poste nelle vicinanze del luogo dell’evento; è vietato il consumo di prodotti ortofrutticoli raccolti nei terreni circostanti l’area interessata o esposta ai fumi derivanti dall’incendio; è vietato l’utilizzo di acque provenienti dai pozzi presenti nelle immediate vicinanze del luogo dove si è verificato l’evento”.

    L’ordinanza è, ovviamente, del Comune di Poggibonsi, ma i suoi effetti si possono ritenere validi anche per altre aree limitrofe ricadenti sotto altre amministrazioni comunali (nell’arco di 300 metri dal luogo dell’incendio).

    Infine, l’amministrazione comunale poggibonsese “ringrazia per l’enorme lavoro svolto giornata odierna, i vigili del fuoco, le forze dell’ordine intervenute, la protezione civile, la Polizia Municipale e le associazioni antincendio della zona”.

    “Rimangono le prescrizioni cautelative di stamane – ha precisato – Ovvero, in via prudenziale, a tenere chiuse le finestre in zona e ad evitare l’esposizione ai fumi”.

    “La situazione è in monitoraggio – ha concluso Berti – attendiamo ulteriori aggiornamenti dalle autorità competenti. Intanto un grazie enorme ai vigili del fuoco, a tutte le forze dell’ordine intervenute, alla protezione civile, alle associazione antincendio della zona e al Comune di Poggibonsi con il quale è forte e puntuale la collaborazione”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...