spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un ventilatore per cardiologia: la donazione del Lions Club Valdelsa all’ospedale di Campostaggia

    "Apparecchio già sperimentato nel nostro ospedale – dice Antonio D'Arpino, direttore Uosd Cardiologia di Campostaggia – per supportare i pazienti dal punto di vista respiratorio"

    POGGIBONSI – Donazione all’ospedale di Campostaggia, da parte del Lions Club Valdelsa, che ha consegnato un ventilatore per la somministrazione di ossigeno ad alti flussi al reparto di Cardiologia.

    Uno strumento facilmente trasportabile e quindi di comodo utilizzo per gli operatori.

    “Un apparecchio già sperimentato nel nostro ospedale – ha spiegato Antonio D’Arpino, direttore Uosd Cardiologia di Campostaggia – che ci consente di supportare i pazienti dal punto di vista respiratorio”.

    “Per noi – aggiunge D’Arpino – rappresenta un passo avanti significativo per la comodità d’uso di questo apparecchio”.

    Presente alla cerimonia il presidente del Lions Club Valdelsa Flaminio Benvenuti, insieme a Lorenzo Bozzi e Stefano Mecacci.

    “Eravamo consapevoli dell’importanza di questo strumento – ha detto Benvenuti – e quindi siamo contenti di aver raggiunto l’obiettivo di questa donazione, a conferma dell’attenzione del nostro Club a sostegno delle nostre realtà anche in un periodo difficile come quello della pandemia”.

    “Desidero ringraziare il Lions Club Valdelsa – ha concluso Lucia Grazia Campanile, direttore dell’ospedale di Campostaggia – per l’impegno che anche in questa occasione ha mostrato nei confronti della nostra struttura, punto di riferimento importante per tutto il territorio”.

     

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua