spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ungulati, Confagricoltura Toscana: “Politica non si nasconda, urge modificare legge sulla caccia”

    Il presidente Marco Neri: "I danni ormai non sono più quantificabili, ma è un problema che i nostri politici potrebbero risolvere velocemente"

    FIRENZE – “La crisi dovuta ai due anni di pandemia, il dramma nel dramma rappresentato dalla siccità, l’aumento dei costi di produzione ormai raddoppiati: l’agricoltura ha di fronte una serie di criticità”.

    A dirlo è il presidente di Confagricoltura Toscana, Marco Neri.

    “Ma c’è un problema – puntualizza – quello degli ungulati, che da anni crea danni enormi alle nostre aziende e che potrebbe essere risolto semplicemente attuando una modifica alla legge 157/92 che regolamenta la caccia, di cui si discute ormai da troppo tempo. Bisogna agire”.

    “I danni alle attività agricole e all’ambiente – sottolinea Neri – hanno raggiunto livelli insostenibili”. C’è la necessità imminente di ristabilire un equilibrio nel rapporto tra l’agricoltura e la fauna, considerando la crescita della popolazione di quest’ultima”.

    “Danni che non sono nemmeno più quantificabili in maniera oggettiva – aggiunge – perché in certe zone c’è stato un completo abbandono delle terre più colpite, e lì i numeri si sono abbassati”.

    “Invece – rimarca – c’è un gran bisogno di coltivare e la politica ha la responsabilità di mettere gli agricoltori nelle condizioni di tornare a seminare nei campi abbandonati a causa degli ungulati”.

    “Motivo per cui la legge 157/92 deve essere modificata al più presto perché lontana dalla realtà e decisamente non attuale” prosegue il presidente di Confagricoltura Toscana.

    “Una normativa efficace – suggerisce – dovrebbe considerare l’evoluzione della fauna così come quella dell’ambiente e delle aziende agricole”.

    “Se per risolvere alcuni problemi – ammette – come l’aumento vertiginoso dei costi di produzione dovuti alla situazione geopolitica, è necessario coinvolgere le sovrastrutture europee, in questo caso specifico dipende esclusivamente dalla volontà della politica italiana, che non si può più nascondere dietro a un dito: rispetto ad altre criticità questa può e dovrebbe essere risolta alla svelta”.

    “Con l’attuale normativa – rilancia Neri – le Regioni non hanno discrezionalità assoluta né potere di svincolarsi dai laccioli che impone la legge nazionale, e invece sarebbe necessario farlo per venire incontro alle esigenze particolari di ogni territorio”.

    “Un mutamento di fondo – conclude il presidente di Confagricoltura Toscana – che consentirà alle Regioni di creare norme più specifiche, che non può più essere rimandato e al quale sarebbe favorevole anche il mondo venatorio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...