spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    VIDEO / Prosegue il “super cantiere” in FiPiLi: eccolo, visto dalla “camera car”

    Nel tratto compreso fra lo svincolo di Montelupo e quello di Empoli est. Oltre 5 milioni di euro di interventi spalmati su 3 chilometri di strada

    FIRENZE – Proseguono nei tempi stabiliti i lavori di manutenzione e messa in sicurezza della FiPiLi, nel tratto compreso fra lo svincolo di Montelupo e quello di Empoli est.

    Oltre 5 milioni di euro di interventi spalmati su 3 chilometri di strada. Attualmente il cantiere riguarda poco più di 1 chilometro di strada e da domani mattina alle 9, per diminuire la pressione del traffico e alleggerire l’unica corsia di marcia in direzione mare chiude lo svincolo in entrata da Montelupo verso la FiPiLi.

    Si potrà entrare nella superstrada da Empoli est utilizzando la tosco-romagnola. Lo svincolo di Montelupo rimane aperto in uscita per consentire ai mezzi di uscire dalla superstrada inserirsi nella tosco-romagnola e poi rientrare dopo.

    “E’ un correttivo che abbiamo preso – spiega l’assessore regionale alle infrastrutture Stefano Baccelli – in seguito al monitoraggio dei primi giorni, una misura volta a fluidificare il traffico nel tratto interessato dal cantiere”.

    Siamo nella fase 1 dei lavori, quella che durerà fino al 29 aprile in cui viene montato il cantiere e vengono chiuse le corsie di sorpasso sia in direzione mare che in direzione Firenze; verrà demolito il vecchio new jersey che verrà sostituito con una nuova barriera e verranno realizzati i sistemi di smaltimento delle acque meteoriche.

    L’orario di lavoro è articolato in due turni: dalle 8 alle 17 e dalle 22 alle 6. Il che significa che non solo è previsto il lavoro di notte, ma che anche è stata pensata un’interruzione dei lavori dalle 17 alle 22 e dalle 6 alle 8, in modo da evitare, nelle ore in cui ci sono i maggiori picchi di traffico, interferenze fra l’utenza e il cantiere.

    Dal 30 aprile fino al 30 giungo scatterà la fase 2: il traffico veicolare viene spostato sulla carreggiata direzione Firenze con doppio senso di marcia separato da new jersey e verranno eseguiti i lavori sulla semicarreggiata direzione mare; durante questa fase sarà ripristinata la pavimentazione con asfalto drenante, verranno sostituite le barriere fonoassorbenti e predisposte le reti informatiche.

    Dal 1 ottobre al 4 novembre i lavori entrano nella terza fase; il traffico viene spostato sulla carreggiata in direzione mare con doppio senso di marcia separato da new jersey, mentre i lavori verranno eseguiti sulla semicarreggiate a direzione Firenze.

    Anche in questo caso verrà ripristinata la pavimentazione con asfalto drenante, verranno sostituite le barriere fonoassorbenti e predisposte le reti informatiche.

    “Siamo impegnati nel cercare di mitigare gli effetti degli interventi necessari su una strada molto trafficata – aggiunge Baccelli – Ricordo anche i lavori di notte, la sospensione dell’attività del cantiere nelle fasce più trafficate e l’apertura ai mezzi pesanti della Sp3 “Bientinese”; . tutte misure che abbiamo preso per venire incontro alle esigenze dei cittadini”.

    Le fasi con la stessa modalità si ripeteranno anche nella zona due nella quale i lavori cominceranno il 5 novembre; dal 5 novembre al 13 dicembre la prima fase; dal 14 dicembre al 1 febbraio la seconda fase; dal 2 febbraio al 23 marzo 2023 la terza fase.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...