spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vino, Ritano Baragli: “Nuovo raid degli ungulati, va modificata legge sulla caccia”

    Il presidente della cantina sociale Colli fiorentini: "Danni non solo da cinghiali ma anche da caprioli"

    FIRENZE – “I danni da ungulati sono talmente tanti da essere difficilmente quantificabili. Oltre ai cinghiali che danneggiano le uve in maniera grave, abbiamo anche i caprioli, che sono animali eccezionali ma si cibano dell’uva quando è matura e soprattutto dei germogli: in un colpo solo portano via tutto. Intervenire si può, ma è necessario modificare la legge sulla caccia”.

    A dirlo è Ritano Baragli, presidente della cantina sociale Colli Fiorentini, dopo l’ultimo raid di ungulati che ha danneggiato le sue vigne.

    “Naturalmente il cinghiale crea ancora più danni – spiega Baragli -. Mentre i caprioli “piluccano” l’uva e comunque arrivano a mangiare fino a 20 kg di verde al giorno, i cinghiali strappano tutto. Abbiamo visto campi di girasole che, in due-tre notti, sono stati azzerati”.

    Secondo Baragli “noi dobbiamo da un lato proteggere questi animali, ma dall’altro dobbiamo evitare che questi siano un flagello per gli agricoltori”.

    “Per questo motivo – rilancia – è necessario modificare la legge sulla caccia e sulla proprietà degli animali, che non possono essere un bene indisponibile dello Stato”.

    “Da questo punto di vista – riprende – il vicepresidente della Regione Stefania Saccardi si è fatta portavoce delle nostre istanze nella conferenza Stato-Regioni”.

    Tra i problemi che stanno affrontando gli agricoltori c’è anche quello della peste suina.

    “E’ causata dai cinghiali – dice Baragli in conclusione – e per gli allevamenti significa abbattere tutti i capi e da qui si capisce la gravità per tutto il settore. Bisogna intervenire”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...