spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Zia Caterina colpita da una malattia auto immune che interessa 5/7 persone su un milione”

    La onlus Taxi Milano 25 dà gli ultimi aggiornamenti: "E' stata trasferita al Centro di Riabilitazione Don Gnocchi"

    FIRENZE – E’, come sempre accaduto in queste settimane da quando è stata ricoverata, prima al Santa Maria Annunziata, l’ospedale dietro… casa, e poi a Careggi, la onlus Milano 25 a dare gli aggiornamenti sullo stato di salute di Zia Caterina Bellandi.

    “È stata diagnosticata a Zia Caterina – scrive la onlus sui suoi canali social, per dare informazioni a tutti (e sono tantissimi) coloro che vogliono bene a questa tassista così speciale – la Sindrome da Anticorpi Antisintetasi”.

    “Una malattia rara – precisano – autoimmune, le cui cause sono attualmente sconosciute che colpisce tra le 5/7 persone ogni milione di abitanti”.

    “La terapia è di tipo immunosoppressiva ed anti infiammatoria – dicono ancora – con farmaci, invasivi, di tipo corticosteroidi”.

    “Le tempistiche di recupero non sono prevedibili – viene specificato – e Zia Caterina si è trasferita al Centro di Riabilitazione Don Gnocchi, a Firenze”.

    “Caterina resta innamorata della vita – tengono a dire da Milano 25 onlus – forte nello spirito per affrontare anche questa sfida enorme, che metterà ancora più in gioco la sua immensa umanità”.

    “È consapevole – aggiungono – che anche questo momento diventerà un bene, che da questa tenebra sorgerà una luce che ci meraviglierà”.

    “Chiediamo a tutti di starle vicino – concludono – con il pensiero, la fede, l’amore”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...