spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Lecchi in Chianti è tornata la festa di San Martino: fra religione e tradizione

    Giovedì 11 novembre il borgo nel comune di Gaiole in Chianti ha riscoperto il sapore del passato, dello stare insieme, del ricordare da dove veniamo

    LECCHI IN CHIANTI (GAIOLE IN CHIANTI) – Riprende vita un’antica tradizione chiantigiana: ritorna la festa di San Martino, a Lecchi in Chianti.

    Giovedì 11 novembre, nel giorno della ricorrenza di San Martino, il santo a cui è intitolata la chiesa del borgo nel comune di Gaiole, e dove si trova una sua raffigurazione, gli abitanti hanno organizzato una cerimonia religiosa seguita da un momento conviviale.

    Un tempo in questa giornata si spillava il vino novello dalle botti e la sera stessa un fiasco si portava in tavola, magari mangiando castagne: “Per San Martino, castagne e vino” così recitava un vecchio proverbio.

    E proprio a Lecchi, paesino di artigiani e contadini, era festa grande. Con una Messa solenne durante la mattina mentre nelle case si preparava un sontuoso banchetto, destinato ad accogliere amici e parenti e che gareggiava in abbondanza con il pranzo natalizio.

    Nel corso degli anni però i festeggiamenti si sono progressivamente ridotti fino ultimamente a scomparire, complice anche la pandemia.

    Tuttavia i residenti – davvero… resilienti – non si sono rassegnati e, appena possibile, si sono attrezzati per riprendere la consuetudine, riuscendo perfettamente nell’intento.

    Così quest’anno, nel giorno di San Martino, alle 19 è stata celebrata una Messa, officiata dal parroco don Alessandro Renzetti.

    E alle 20 tutti al circolo Acli, intitolato alla figura di don Osvaldo Secciani, per una cena con un menu di tutto rispetto e dedicato alle nostre tradizioni. 

    Con crostini e affettati, tortellini in brodo e lesso: rifatto con le cipolle oppure in salsa verde. O, ancora, con maionese casalinga.

    Non è mancato il vassoio dei bolliti con zampuccio e muscolino, seguito dal dolce finale a base di crostata.

    E durante la cena spazio ai racconti, alle battute, alle chiacchiere in amicizia. 

    Bentornato San Martino: la sua festa ha portato una ventata d’allegria per le vie del borgo di Lecchi in Chianti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...