spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Vertine è festa con “Calici nel Borgo”: degustazione dei vini e street food

    Domenica 18 settembre, dalle 18.30 alle 22.30 prima edizione dell'evento dedicato alla valorizzazione dei vini Docg e Igt prodotti nel territorio comunale

    GAIOLE IN CHIANTI – A Vertine, nel comune di Gaiole in Chianti, appuntamento domenica 18 settembre, dalle ore 18.30 alle 22.30, con la prima edizione di “Calici nel Borgo”: una kermesse dedicata alla valorizzazione dei vini Docg e Igt prodotti nel territorio comunale. 

    L’evento, promosso dall’Associazione Viticoltori di Gaiole in Chianti con il patrocinio dell’amministrazione comunale, prevede la possibilità di degustare tantissime etichette prestigiose prodotte nei vigneti gaiolesi, e di poter assaggiare le prelibatezze dello street food. 

    “Per l’Associazione Viticoltori di Gaiole spiega il presidente Manuele Verdelli – “Calici nel Borgo” è un evento importante. Non solo per far conoscere le nostre aziende vitivinicole, sinonimo di eccellenza, ma anche per valorizzare i piccoli borghi del nostro comune, che sono uno più bello dell’altro”.

    “Aprire la prima edizione di “Calici nel Borgo” con Vertine – puntualizza – è, quindi, una grande soddisfazione. Perché si tratta di uno dei gioielli del Chianti, un antico borgo medievale in pietra, circondato da vigne e castelli”.

    “Siamo felici – ammette il presidente Verdelli – dell’entusiastica adesione delle aziende vitivinicole: saranno presenti in questa prima edizione ben 26, la quasi totalità dei viticoltori che ruotano attorno alla nostra associazione”.

    “Alla fine del percorso di degustazione – aggiunge – chi vorrà potrà anche acquistare delle bottiglie grazie alla Cantinetta del Chianti di via Ricasoli, che ha allestito per l’occasione una enoteca temporanea a Vertine”.

    “Come street food – conclude Verdelli – abbiamo Jovannino Ortolab, Panunto e lo stand del Circolo La Filarmonica di Gaiole. L’intenzione dell’associazione è quella di ripetere l’esperienza il prossimo anno, in modo itinerante, ospitandola in altri borghi di Gaiole così da farli conoscere e apprezzare da tutti”.

    “”Calici nel Borgo” è un’ottima vetrina per il vino, prodotto principe del nostro territorio – sottolinea Francesco Verzuri, assessore al turismo, sviluppo e stile di vita del Comune di Gaiole in Chianti – Siamo felici di poter tornare a fare delle degustazioni nelle piazze, in mezzo alla gente, dopo gli anni di stop legati alla pandemia”.

    “L’auspicio – conclude Verzuri – è che questa sia la prima edizione di una lunga serie. Un ringraziamento speciale va agli organizzatori e alle aziende che hanno aderito. Ci aspettiamo una bella partecipazione, di visitatori e di residenti”.

    Per accedere all’area di degustazione dei vini dovrà essere ritirato il kit al costo di 20 euro a persona, che dà diritto a degustare le bottiglie delle 26 aziende vitivinicole di Gaiole, che hanno aderito all’iniziativa. All’ingresso verrà richiesta anche una cauzione di 5 euro, che sarà restituita a fine serata riconsegnando il calice.

    Le aziende presenti

    • Podere Ciona

    • Capannelle

    • Azienda Agricola Monterotondo

    • Castello di Cacchiano

    • Il Colombaio di Cencio

    • Barone Ricasoli

    • Castello Di Meleto

    • Maurizio Alongi

    • Az. Agr. Matteoli

    • Tenuta San Vincenti

    • Azienda Agricola I Sodi

    • Badia a Coltibuono

    • Cantalici

    • Casanova di Bricciano

    • Bertinga

    • Azienda agricola Fietri

    • Rocca di Montegrossi

    • San Giusto A Rentennano

    • Podere il Palazzino

    • Rietine

    • Azienda agricola La Montanina

    • Az. Agricola Verdimonti

    • Tenuta Perano – Frescobaldi

    • Borratella

    • Rocca di Castagnoli

    • Tenuta San Vincenti 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...