spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rifiuti abbandonati in territorio gaiolese: “Miseria e ignobiltà al Castello di Brolio”

    "Stavolta qualche pendolare del sudicio si è superato, lasciando per strada una cucina a gas, sedie da giardino, barattoli da vernice. E non solo..."

    GAIOLE IN CHIANTI – Riceviamo e pubblichiamo da parte di Andrea Pagliantini, sempre molto attento e sollecito a segnalare quel che accade (di bello e di brutto) in terra di Chianti senese.

    E’ una piazzola ambita, quella che si trova a poca distanza dal Castello di Brolio.

    Comoda, con ampio spazio per la sosta, discreta, perchè riposta dalle piante e perchè sono rare le persone di transito, in questa stagione, specie nelle ore serali.

    Solitamente questa piazzola e questo cassonetto ricevono materiale di passaggio: ma anche dalla Berardenga non sono pochi coloro che riversano qui i loro materiali ingombranti.

    Cosa assurda, sapendo che poco distante hanno il magazzino della SEI di Cornia; ma anche il problema che i loro cassonetti sono a scheda, quindi per loro troppo intelligenti.

    Anche se molti, nella zona, non hanno difficoltà a gettare tutto nella carta o nell’organico, per l’apertura più capiente.

    Stavolta qualche pendolare del sudicio si è superato, lasciando per strada una cucina a gas, sedie da giardino, barattoli da vernice.

    E, all’interno, tubazione per l’irrigazione a goccia, ruote con cerchioni. E, il massimo della finezza, una colonna e la vasca di porcellana di un lavandino, in mezzo a chissà che altro.

    La SEI è già stata avvertita di questo nuovo scempio e provvederà quanto prima alla rimozione del materiale.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...