spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Abusi su minori e donne, nasce a Greve un progetto per individuarli in classe

    Al via un percorso formativo rivolto ai docenti di tutte le scuole con psicologi, magistrati, insegnanti...

    GREVE IN CHIANTI – Fornire ai docenti di tutte le scuole del territorio gli strumenti e le conoscenze per riconoscere e intervenire sul fenomeno della violenza sui minori e sulle donne.

     

    E' questo l'obiettivo del progetto, primo in Toscana, ideato e promosso dal Comune di Greve in Chianti in collaborazione con l'Istituto comprensivo, che si propone di affrontare e gestire la fragilità e il disagio minorile manifestati dagli studenti in classe, interessati e coinvolti da forme di violenza domestica.

     

    Prende il via il percorso formativo "Fragili al centro, le responsabilità degli operatori intorno ai bambini, agli adolescenti e alle loro famiglie rivolto agli insegnanti" che si terrà oggi, martedì 6 e mercoledì 7 nella sala Margherita Hack del Palazzo della Torre.

    A spiegare la nascita del percorso l'assessore alla pubblica istruzione Maria Grazia Esposito. "L'idea scaturisce dal rilevamento di una problematica e di un bisogno – commenta l'assessore –  ogni anno i servizi sociali ricevono circa cinque segnalazioni di casi di violenza domestica su donne e minori, l'intento dunque è quello di agire preventivamente e offrire strumenti utili all'individuazione precoce di abusi fisici e psicologici".

     

    Il corso si rivolge agli insegnanti, a coloro che trascorrono gran parte della giornata a contatto con i bambini e ne possono percepire i disagi e le difficoltà extrascolastiche proprio in virtù dello stretto rapporto, educativo e affettivo, che costruiscono con l'allievo.

     

    "L'esistenza di casi di possibili violenze nel nostro territorio – aggiunge l'assessore – è stata colta proprio dai docenti con i quali abbiamo iniziato ad elaborare un percorso".

    La formazione non è l'unico obiettivo del progetto che mette in campo un team di esperti, costituito da psicologhe esperte nelle tematiche della violenza alle donne e ai minori, dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Firenze, responsabile del Gruppo Famiglia-Donne-Soggetti Deboli, da assistenti sociali e insegnanti, per offrire supporto e consulenza ai docenti durante l'anno scolastico.

     

    "Il seminario che abbiamo articolato in due giornate – continua l'assessore – è il primo passo di un progetto più ampio che mira a costruire una rete di competenze nate dalla collaborazione tra amministrazione comunale, scuola e privato sociale, un nucleo operativo con funzioni di orientamento al quale rivolgersi per ricevere informazioni corrette ed adeguate sulle modalità e gli atteggiamenti da tenere di fronte ad un possibile caso di violenza".

    La giornata formativa del 6 settembre entrerà nel vivo con gli interventi del dirigente scolastico dell'Istituto Comprensivo di Greve in Chianti Antonella Zucchelli e delle psicologhe esperte sulle problematiche relative alla violenza su minori e donne Sara Simone e Giulia Calva dell'associazione Artemisia.

     

    La seconda giornata (ore 9,15-12.30) affronterà il tema della fragilità con i contributi di Ornella Galeotti, sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Firenze, Laura Bini, presidente dell'Ordine degli assistenti sociali della Regione Toscana. Interverrà anche l'assessore alle Politiche sociali Cristina Faini.

     

    Sull'esperienza del tavolo del disagio si confronteranno nel corso della mattina l'insegnante Nicola Cianti dell'Istituto comprensivo di Greve in Chianti, Funzione Strumentale per il Disagio e la Disabilità, l'assistente sociale Ilaria Anichini dell'Unione Comunale del Chianti Fiorentino, area Famiglie e Minori e referente per Greve in Chianti e l'educatrice Letizia Bagni della cooperativa sociale La Stadera onlus. Il secondo appuntamento del seminario sarà moderato dall'assistente sociale dell'Unione comunale Rosa Piccolo.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...