spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’assessore grevigiano (mercatalino doc): “Veniva spesso a mangiare a casa mia”

    GREVE IN CHIANTI – Se c'è una persona che nel territorio chiantigiano ha avuto modo di conoscere da vicino Margherita Hack, l'astrofisica morta a 91 anni, quella è di sicuro Marcello Forni.

     

    Mercatalino doc, Forni è assessore al lavoro e alla legalità nel comune di Greve in Chianti: ed è stato colui che ha fatto conoscere il territorio chiantigiano alla Hack.

     

    Ci chiama appena appresa la notizia: "Da metà degli anni Ottanta – ci dice – ho invitato più volte Margherita a Mercatale e nel nostro territorio. E lei è stata sempre disponibile: tanto che per molti anni abbiamo festeggiato il suo compleanno alla casa del popolo di Mercatale".

     

    "Margherita – dice ancora – oltre ad essere socia onoraria dell'Auser di San Casciano (associazione di cui Forni è stato presidente, n.d.r.), era anche presidente onorario dell'associazione Per Crescere Insieme, che si occupa del futuro dei ragazzi disabili".

     

    "Nonostante la sua grande cultura – sottolinea – e le grandi capacità professionali e accademiche, ha sempre rifiutato riconoscimenti o posizioni particolari. Lei amava gli ultimi, era impegnatissima nel sociale: ad esempio teneva in piedi con il suo contributo un circolo Arci a Trieste, dove viveva".

     

    "Perdiamo una grande donna – conclude Forni – e personalmente perdo un'amica. Finché le forze glielo hanno permesso infatti, oltre alle occasioni pubbliche, veniva tre-quattro volte all'anno a casa mia a mangiare. E' sempre stato un piacere e un onore".

     

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...