spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Alla Gastronomia GiaBaR il 28 giugno si va a cena con “Le tre anime del Sangiovese”

    Montecalvi, Vallone di Cecione, Solatione: tre aziende che, con i vini e i produttori, si racconteranno durante la splendida cena cucinata dalla chef Barbara Jakusconek

    GREVE IN CHIANTI – Martedì 28 giugno, presso la Gastronomia GiaBaR a Greve in Chianti, ci sarà una cena con degustazione volta alla valorizzazione ed al racconto del vitigno autoctono più importante delle nostre zone, il Sangiovese.

    La serata esplorerà questo vitigno attraverso la voce di tre produttori che hanno coltivato ed esportato il loro vino e la nostra storia in giro per il mondo.

    “Le tre anime del Sangiovese”, questo il titolo della serata: alla quale saranno presenti in sala, come detto, tre produttori.

    Per raccontare la loro storia. Per delineare le differenza fra tre sottozone del Chianti Classico in cui sono collocate le loro aziende. Molto diverse fra di loro e che, quindi, regaleranno sapori ed emozioni diversi tra loro.

    “Il primo ospite sarà Tim Maning enologo di Montecalvi – dice Barbara Jakusconek, chef e sommelier di GiaBaR – azienda situata all’ingresso di Greve in Chianti, certificata biologica, presente nel mondo della viticoltura dal 1932″.

    “Tim – anticipa – racconterà la filosofia aziendale e il frutto dell’impegno di tutti, presentando il Chianti Classico 2019. Vino che sarà accompagnato dai Salumi Pertichini del Pratomagno”.

    “Poi sarà la volta di Francesco Anichini – continua Barbara – del Vallone di Cecione. Azienda situata nella bellissima Conca d’Oro di Panzano, dalla quale nascono tra i migliori vini di tutto il Chianti Classico”.

    “Azienda a conduzione familiare – riprende – completamente biologica, che punta alla valorizzazione della storia del territorio ed al riconoscimento del coraggio della famiglia Anichini. Che da mezzadri divennero proprietari e poi venditori, in tutto il mondo, del loro prodotto”.

    “Francesco presenterà tutto questo – prosegue – attraverso il suo Chianti Classico 2020, vino che sarà accompagnato da una lasagna ai formaggi”.

    “La terza anima della serata – prosegue ancora – sarà il Chianti Classico 2016 il Solatione. A guidare i presenti in sala nella degustazione ci sarà Francesca Giachi. Il vino dell’azienda il Solatione, situata nel comune di San Casciano, sarà accompagnato con arista in forno e patate, per dare pieno sviluppo alle fragranze che questo vino possiede”.

    “La prenotazione è obbligatoria – conclude Barbara – Abbiamo già dei tavoli prenotati ed i posti, per non creare troppa dispersione e valorizzare il contatto diretto con i produttori, non saranno molti: affrettatevi a prenotare chiamando il numero 0558027904, oppure al mobile 3898863850“.

    Ovviamente tutti i vini (e molto altro) lo potete sempre trovare acquistabile e degustabile presso la Gastronomia GiaBaR, in piazza Vassallo a Greve in Chianti. Dal martedì al sabato, dalle 10 alle 15 e dalle 17 alle 21.30. E la domenica dalle 12 alle 21.30.

    Mail: gastronomia.giabar@gmail.com

    Pagina Facebook: www.facebook.com/Gastronomia-Giabar-103832838844634

    Barbara con uno sei prosciutti che verranno serviti durante la serata
    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...