spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lo dicono Api e Lista Stecchi: “Da piazza Matteotti li mandino… dove si chiede sicurezza”

    GREVE IN CHIANTI – "Visto la gravissima situazione furti presenti nel nostro territorio, vista la rabbia giustificata dei residenti delle zone più colpite e dato che il vice sindaco ha detto che l’amministrazione comunale non lascerà sole queste frazioni, volevamo chiedere appunto al vice sindaco se per poter affrontare l’emergenza non fosse possibile pattugliare di più le frazioni colpite impiegando maggiormente la polizia municipale che molte volte staziona in piazza Matteotti, a Greve".

     

    A chiederlo sono la Lista Civica con Paolo Stecchi e Api Greve in Chianti. I riferimenti sono in particolare ai ripetuti furti in appartamento (con tanto di rapina a mano armata) avvenuti nelle ultime settimane a San Polo in Chianti.

     

    "Le parole e le assemblee – rilanciano – vanno anche bene ma non eliminano i furti ed è ora di passare ai fatti concreti. Dato l’esigenza dei cittadini di San Polo di avere più carabinieri presenti, tanto che alcuni di essi hanno mandato un fax al Comando di Figline".

     

    "Per questo motivo – concludono Api Greve in Chianti e Lista Stecchi – elogiamo gli sforzi che gli attuali rappresentanti dell'Arma hanno sempre fatto e stanno facendo con le poche unità disponibili ed esprimiamo un desiderio al Comando Generale. Che è quello di poter sperare in un rinforzo alle forze presenti data la vastità del territorio da coprire".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...