spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il sindaco Alberto Bencistà traccia un primo bilancio della terribile ondata d’acqua. Tutte le foto

    GREVE IN CHIANTI – “Allagamenti consistenti in diverse zone del territorio comunale, esondazioni localizzate del fiume Greve, in particolare in località Ferrone dove stiamo evacuando le fabbriche”.

     

    Così il sindaco di Greve in Chianti Alberto Bencistà dopo i disagi delle forti piogge che nelle ultime ore hanno colpito il territorio del Chianti così come gran parte della Toscana (clicca qui per tutta la cronaca e l'ampia fotogallery).

     

    “I danni sono notevoli – aggiunge il sindaco – segnaliamo una frana sulla strada principale, numerose strade di campagna difficilmente percorribili o completamente impraticabili a causa degli allagamenti, diverse frane e smottamenti che aumentano i disagi ai cittadini".

     

    "Abbiamo attivato la protezione civile – prosegue – che con i vigili urbani e con l’aiuto anche del personale di Impruneta ha permesso garantire la viabilità di base . Alcuni esercizi commerciali hanno subito allagamenti (in foto la Greve al ponte di Sant'Anna, nel capoluogo), così come cantine e garage di privati che sono tuttora sott’acqua".

     

    "La preoccupazione maggiore – chiude Bencistà – resta per il fiume Greve che è arrivato a soli 70 centimetri dall’esondazione. La pioggia ora ha diminuito l’intensità ma l’allerta resta perché nel pomeriggio sono previste nuove precipitazioni, monitoreremo la situazione costantemente”.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...