domenica 5 Luglio 2020
Altre aree

    All’SMS del Poggio alla Croce uno spazio esterno in cui ci si potrà… gustare l’estate

    La frazione ha nei locali di proprietà della locale SMS una attività di ristorazione e di intrattenimento "famosa" dalla metà del '900...

    POGGIO ALLA CROCE (GREVE IN CHIANTI-FIGLINE INCISA) – Questi sono periodi di grande difficoltà per tutte le attività commerciali e di ristorazione.

    La frazione di Poggio alla Croce, che a 500 metri sul livello del mare divide il Chianti dal Valdarno fiorentino, alle pendici di Badia Monte Scalari e di Pian d’Albero, ha nei locali di proprietà della locale SMS un’attività di ristorazione e intrattenimento “famosa” dalla metà del ‘900.

    Prima era un locale da ballo frequentato dai residenti nei poderi limitrofi; per poi diventare una pizzeria-trattoria ben avviata.

    Oggi “Amici miei al Poggio”, così si chiama la trattoria, ha ottenuto il permesso dei proprietari dei terreni e dell’amministrazione comunale per adibire lo spazio fronte all’edificio a ricezione.

    Uno spazio da destinare a tutti coloro che vorranno “frescheggiare”, guardando il verde dei monti e gustando piatti prelibati e appetitosi.

    Dal presidente dell’SMS del Poggio alla Croce, Carlo Viviani Della Robbia, “buon appetito a tutti. Viandanti, forestieri o locali!”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...