domenica 17 Gennaio 2021
Altre aree

    Amarezza a Strada in Chianti: “Rubata la cassetta con le offerte al funerale di mia mamma”

    "Il furto è avvenuto mentre era esposta in chiesa, il giorno prima delle esequie. Erano soldi da destinare a chi combatte contro la sclerosi multipla, malattia che affliggeva mia mamma"

    STRADA (GREVE IN CHIANTI) – C’è tanta amarezza nelle parole di Giampaolo, che nei giorni scorsi, con i suoi familiari, ha dato l’ultimo saluto a sua mamma, Marina Salvadori. Scomparsa, a 82 anni, a Strada in Chianti.

    Il funerale si è tenuto venerdì 13 novembre nella chiesa stradese di San Cristoforo, dove la mamma era esposta dal giorno prima.

    “E’ stata lì dal pomeriggio del giovedì fino alla sera – ci racconta Giampaolo – L’impresa di onoranze funebri aveva posizionato il libro per le firme e una cassettina per la raccolta delle offerte”.

    “Vicino alla cassettina – specifica Giampaolo – avevamo scritto che le offerte sarebbe andate a sostegno di chi si batte contro la sclerosi multipla, malattia che affliggeva mia mamma”.

    “Giovedì sera – dice, ancora stupito – quando siamo andati a mettere dentro il tavolino, la cassetta per le offerte non c’era più. Portata via. Ci siamo rimasti malissimo”.

    “Abbiamo sparso la voce in paese – aggiunge – per vedere se qualcuno si pentiva e la riportava. Ma anche per dire a chi aveva contribuito che, purtroppo, era accaduto questo”.

    “La mattina del venerdì – conclude Giampaolo – abbiamo fatto portare una nuova cassetta, ma l’amarezza è stata tanta. Ormai non si vergognano neanche a rubare ai funerali…”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...