spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I laboratori confermano: l’11 agosto qualcuno ha tentato di uccidere il cane di Franco Zolfaroli

    FERRONE – Il sospetto era stato fin da subito forte ed evidente, ma adesso ci sono anche le analisi di laboratorio (effettuate dall'Istituto Zooprofilattico) a confermare: l'11 agosto scorso il boccone di cibo che Franco Zolfaroli strappò dalla bocca del suo meticcio Camillo, che lo aveva raccolto in giardino, era letale (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    In quello strano pezzo di pollo che il cane aveva trovato in giardino e che stava per ingoiare conteneva fosfuro di zinco, "un prodotto in polvere molto velenoso – dice Zolfaroli – purtroppo assai indicato per l'avvelenamento di esche, in quanto è dotato di una elevata azione tossica per ingestione, che provoca una straziante morte in quanto agisce lasciando completamente lucido l’animale. Che quindi soffre fino alla fine e non vi è antidoto".

     

    "Era usato come ratticida – dice ancora – Ora, come ci hanno spiegato in Provincia, non è più in commercio, ma evidentemente ci sono ancora delle scorte in giro".

     

    "Svolgeremo regolare denuncia alla polizia provinciale  – conclude Zolfaroli – contro il responsabile di quest’atto criminoso che ci ha lasciati molto turbati".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...