spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ancora pneumatici bucati in viale Rosa Libri: “Viviamo in un incubo, il Comune deve installare le telecamere”

    "A mia mamma forati anche stanotte, è come una sorta di roulette russa. Noi, addirittura, ci siamo dovuti trasferire a Firenze: questa storia sta costando soldi e serenità"

    GREVE IN CHIANTI – Ancora pneumatici bucati alle auto in sosta lungo viale Rosa Libri, a Greve in Chianti. Per una storia che va avanti da circa un anno.

    E ancora una volta per i malcapitati tornano la rabbia, le auto bloccate, i soldi che se ne vanno. Con l’incertezza che domani si sia un’altra volta da capo.

    A raccontarci come si vive questa situazione, a pochi passi dalla centralissima piazza Matteotti, è una donna. Residente nel viale fino a pochi mesi fa.

    “Perché a un certo punto – ci dice – con mio marito abbiamo detto basta. E siamo tornati a Firenze, da dove arrivavamo. Ma in viale Rosa Libri è rimasta a vivere mia mamma”.

    E proprio la vecchia auto della madre è stata bersagliata nella notte appena trascorsa: gomme ancora una volta bucate e tanta rabbia.

    “Pensi – ci dice la figlia – avevamo appena ordinato due pneumatici nuovi, perché quelli montati non sopportano più le continue toppe messe per riparare i buchi. E stamani ci siamo svegliati così”.

    Un incubo, insomma, “iniziato circa un anno fa – prosegue nel racconto – Abbiamo sporto denunce ai carabinieri, sollecitato la polizia municipale, chiesto appuntamenti al sindaco. Ma siamo ancora in questa situazione”.

    “Il risultato – commenta con amarezza – è stato che io mi sono dovuta trasferire, mentre mia mamma, che è sempre qui, è alla mercè di questi vandali”.

    Non è un accanimento diretto nei confronti di questa famiglia. Le gomme bucate sono su più auto, di più famiglie.

    “E’ come vivere in una sorta di roulette russa – riprende la signora – La sera vai a letto e non sai se la mattina troverai le gomme dell’auto a terra. Con tutto quel che ne consegue, in termini di disagio e spese”.

    “Nel dicembre scorso – racconta ancora – quando siamo venuti a passare un po’ di tempo con mia madre per le vacanze, ho addirittura affittato un garage per metterci l’auto di notte”.

    “Qui serve una soluzione – conclude – e serve adesso. Servono telecamere per sorvegliare, sia a scopo preventivo che per capire chi è che si diverte in questo modo. A noi, come ad altri, tutta questa vicenda sta costando soldi e serenità”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

     

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...