spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Aragosta, calamaro e anguilla: tre nuovi protagonisti in arrivo da Sushi in Chianti

    "L'Unagi Nighiri di anguilla, scottata e spennellata con la soia: ovvero come un alimento tipico maremmano, viene trasformato dalla nostra Tarina in un pezzo di una bontà sublime"

    GREVE IN CHIANTI – Aragosta, calamaro ed anguilla: tre nuovi protagonisti in arrivo da Sushi in Chianti.

    “Ci stiamo preparando per la nuova stagione – dice Francesco Bussotti – abbiamo deciso di creare un menù costituito da accostamenti unici, ideati dalla nostra Sushi-Woman, in modo tale che chiunque venga da noi, trovi specialità introvabili altrove”.

    “La scorsa settimana – prosegue – abbiamo provato i gamberi in fasce, lo Gnudo ed il Gunkan con le verdure di stagione, tutti i pezzi hanno avuto un’ottima risposta da parte dei nostri clienti ed entreranno a far parte del menù. In particolare il gambero in fasce è andato a ruba, vi invitiamo a provarlo se non lo avete ancora fatto”.

    “Questa settimana mettiamo in campo altri tre pezzi importanti, per preparazione e selezione degli alimenti di assoluta qualità – annuncia Francesco – Iniziamo la presentazione con un Unagi Nighiri di anguilla scottata e spennellata con la soia. Un alimento tipico maremmano, che la nostra Tarina, trasforma in un pezzo di una bontà sublime, grazie anche ad una lavorazione, che ne esalta il sapore”.

    “Arriverà anche il calamaro toscano, pescato nel nostro mar Tirreno davanti alle nostre coste – dice ancora – Verrà servito freschissimo, sotto forma di sushi o sashimi. E poi arriva la regina della tavola per eccellenza, l’aragosta. Una selezione delle migliori aragoste sul mercato, porterà questo crostaceo sulle tavole dei nostri clienti. La nostra sushi-woman le renderà onore attraverso una preparazione unica, creando un sashimi di aragosta”.

    “Ultima novità della settimana è che dall’1 aprile – afferma contento Francesco – entrerà nel nostro organico una nuova cuoca, che affiancherà Tarina e si occuperà di tutta la preparazione dei piatti caldi ciapponesi, sia di pesce che di carne. Rinnoviamo l’invito rivolto a tutti coloro che cercano un lavoro, di venire a fare due chiacchiere qui da noi per entrare nel nostro staff”:

    “Come ormai da tradizione – continua Francesco – potete usufruire delle nostre prelibatezze dal giovedì alla domenica. Potrete mangiare ai tavoli, oppure sfruttare l’asporto con ritiro o con consegna presso il proprio domicilio.”

    “Le consegne – ricorda – possono essere effettuate a Greve in Chianti, Impruneta, San Casciano (fino al Bargino), Radda in Chianti, Barberino Tavarnelle, Bagno a Ripoli (anche Grassina) e San Donato in Poggio. I ritiri e le consegne inizieranno giovedì sera dalle 18 e termineranno domenica alle 14”.

    “Per essere sicuri di un servizio veloce e puntuale – conclude – consigliamo di ordinare per tempo utilizzando la nostra WebApp, attraverso la quale si può sempre prenotare un tavolo, l’asporto o la consegna a domicilio. Oppure soltanto consultare il menu dettagliato e prenotare via WhatsApp al numero 3926468943“.

    In arrivo anche il calamaro del Tirreno

    📍 Indirizzo: piazza delle Cantine 43, Greve in Chianti

    💻 Sito web/Web App: www.sushinchianti.it

    📱 Cellulare/Whatsapp: 3926468943

    🛍 Shopfan: https://shopfan.io/shopper

    👉 Facebook: https://www.facebook.com/groups/478773787260269

    👉 Instagram: https://www.instagram.com/sushi.in.chianti/

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...