spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barbara Jacusconek: chef, sommelier, cittadina del mondo. E’ lei l’anima di GiaBaR

    Nata a Londra, ha vissuto in Algeria, Canada e Italia: una vita dentro ai ristoranti, fin da quando aveva 12 anni. Poi il sogno di GiaBaR, diventato realtà...

    GREVE IN CHIANTI – Questa settimana andiamo a conoscere l’anima della Gastronomia GiaBaR, la chef e sommelier Barbara Jakusconek.

    Nata a Londra un 24 di aprile, ha vissuto in Algeria, Canada ed Italia.

    Una vita dentro i ristoranti: le prime esperienze a 12 anni, quando per stare con la madre andava ad aiutarla nel ristorante dove lavorava.

    Poi, a 16 anni, durante la settimana a scuola ed i fine settimana sempre con la madre a lavorare, Barbara faceva la cameriera e la madre stava in cucina: in questo modo inizia ad apprendere le basi della cucina.

    Il lavoro dentro un bar la spinge ad intraprendere anche il percorso di sommelier.

    Grazie a questo iniziai a lavorare a Badia a Coltibuono – dice Barbara – e poi presso il Castello di Tornano, dove compresi veramente la mia strada. Decisi di dedicarmi completamente alla cucina: d’estate organizzavo corsi di cucina (per turisti e non) e d’inverno frequentavo corsi di cucina per migliorare e perfezionare le mie capacità”.

    Negli anni – prosegue – ho frequentato la scuola di cucina “Le Cordon Bleu London” a Londra ed ho fatto il corso di Cuisine, di Patisserie e di Cake Design”.

    “Poi sono tornata in Canada – riprende – dove ho lavorato in una pasticceria e in un negozio di cioccolato, mentre facevo un corso di cioccolato presso il George Brown College”.

    In tutto questo girovagare – racconta – ho avuto l’occasione di partecipare a due puntate di Gourmet Getaway – Jaipur International Food Festival, su Sky”.

    L’Idea di GiaBaR nasce da l’unione di due sogni, il mio e quello di Giacomo – spiega Barbara – Da sempre speravo di avere un posto mio, dove mettere in pratica tutto quello che avevo imparato negli anni con le mille esperienze in Italia e all’estero. Ugualmente Giacomo, sognava di avere un locale, dove poter raccontare i propri formaggi attraverso la cucina: e dove poter divulgare la storia di alcuni prodotti d’eccellenza a chi volesse ascoltarla”.

    Ecco che dall’unione di idee di due persone con un bagagliodi conoscenza nell’ambito del cibo – continua – nasce GiabaR. Un luogo speciale dove si uniscono la mia cucina, con dei prodotti qualitativamente eccellenti, impossibili da trovare altrove, e la cordialità e la conoscenza di Giacomo e del figlio Raul”.

    Oltre agli aperitivi – ricorda – cene e pranzi con taglieri e piccole sorprese, cene a tema e degustazioni di prodotti, potrete comprare tutto quello che noi usiamo in cucina e tutto quello che Giacomo vende al mercato”.

    Voglio anticipare – conclude Barbara – che il 28 giugno, faremo una cena degustazione con i produttori in sala di Montecalvi, Vallone di Cecione e Solatione. Tre unicità del territorio, la prenotazione è obbligatoria e abbiamo già dei tavoli fissati, quindi non perdete tempo e chiamateci al 3898863850. Vi aspettiamo”.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...