spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 31 Marzo 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barbara Masini (senatrice Forza Italia): “Chiusura cementificio Testi è grave e ingiustificata”

    L'annuncio: "Ho depositato un'interrogazione urgente per i prossimi ministri al lavoro e allo sviluppo economico perché si facciano carico dell’interlocuzione con la Regione Toscana"

    GREVE IN CHIANTI – “Su sollecitazione del Consigliere metropolitano Paolo Gandola ho depositato un’interrogazione urgente per i prossimi ministri al Lavoro e allo Sviluppo Economico perché si facciano carico dell’interlocuzione con la Regione Toscana, con l’azienda e con le parti sociali e perché vigilino sulla possibilità di una reindustrializzazione o in alternativa sulla bonifica ambientale del territorio a carico della società proprietaria del sito”.

    Lo annuncia la senatrice di Forza Italia Barbara Masini, a proposito della vicenda dell’annunciata chiusura (da parte della proprietà) del cementificio di Testi-Passo dei Pecorai.

    Definita “grave e ingiustificata” dalla stessa senatrice azzurra.

    “La Buzzi Unicem – ricorda Masini – ha annunciato che il prossimo 31 marzo procederà con la chiusura del sito industriale di Greve in Chianti”.

    “Questo significa – rimarca -che 100 lavoratori, tra diretti e indiretti, andranno a casa mettendo ancora più in difficoltà le famiglie già provate dall’anno disastroso appena trascorso”.

    “Con lo sblocco dei licenziamenti – conclude – queste situazioni rischiano di essere purtroppo all’ordine del giorno, il nuovo Governo dovrà quindi essere preparato al peggio e intervenire in fretta in modo chiaro e deciso”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...