spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La segretaria grevigiana di Sel Maria Giovanna Bencistà risponde alle “sollecitazioni” di Casprini

    GREVE IN CHIANTI – L'appello era arrivato a metà agosto da una delle anime storiche di Rifondazione comunista a Greve in Chianti, quel Francesco Casprini da tempo in disaccordo con la linea portata avanti in consiglio comunale dal capogruppo Maurizio Marziali.

     

    "Va fatto un discorso serio con Sel a Greve in Chianti – aveva detto – che eviti la frammentazione e dia un futuro diverso da quello che si prospetta oggi, rimanendo divisi" (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    E' da tenere sempre presente che a Greve in Chianti Sel è in maggioranza dal 2009, a sostegno del sindaco Alberto Bencistà; Rifondazione comunista invece è all'opposizione, a tratti anche furibonda in questi anni, e vive da un po' di tempo delle tensioni fra gruppo consiliare, dirigenza, militanti.

     

    Ha preso nota della sollecitazione Maria Giovanna Bencistà, segretaria di Sel a Greve in Chianti visto che, come spiega al Gazzettino del Chianti, "sarei ben contenta se la sinistra grevigiana finalmente fosse unita e compatta".

     

    Per arrivare a questo risultato però il percorso non è né breve né facile: "Ne parleremo sicuramente nei prossimi mesi – conclude Bencistà – Di certo quando Rifondazione comunista a Greve in Chianti avrà fatto chiarezza al suo interno, stabilito la linea che vuol tenere e le persone che la rappresentano".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...