spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 16 Gennaio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bilancio di previsione 2022 Greve: “Più servizi per istruzione e sociale. Congelate tasse e tariffe”

    Il sindaco Paolo Sottani: "Abbiamo bloccato Imu, addizionale comunale Irpef, Tosap, imposta sulla pubblicità e tariffe dei servizi a domanda individuale"

    GREVE IN CHIANTI – “Abbattere le diseguaglianze sociali, offrire risposte alle necessità dei più fragili, continuare a lavorare e fare rete con il territorio perché nessuno resti indietro”.

    Sono gli obiettivi di bilancio del Comune di Greve in Chianti: “Consolidarsi e alzare l’asticella delle risorse a favore della qualità e della sostenibilità della vita delle cittadine e dei cittadini”.

    Riservando una particolare attenzione “ai bisogni sociali ed educativi del territorio”, la giunta comunale guidata da Paolo Sottani si impegna “a potenziare i servizi senza prevedere alcuna variazione sulla pressione fiscale”.

    “Nessun aumento per tariffe e tributi – dicono dal palazzo comunale – che, secondo una scelta puntuale, intrapresa sulla base delle priorità stabilite, resteranno inalterate. L’intento è quello di sostenere la comunità e le sue fasce più deboli, rafforzare le condizioni di benessere collettivo volte a moltiplicare opportunità e possibilità di accesso ai servizi, concorrere allo sviluppo sostenibile e alla crescita dell’intero territorio”.

    “Una manovra economica sana – proseguono – incentrata sul tema dell’equità sociale, ispirata dai principi e dalle azioni di una corretta gestione della cosa pubblica. È questo uno dei punti fermi del bilancio di previsione 2022, approdato ai banchi del consiglio comunale che ne ha varato i contenuti e le finalità”.

    “Il documento – spiega ancora l’amministrazione comunale grevigiana – è percorso dal filo rosso della piena aderenza alle principali esigenze espresse dalle tante frazioni che compongono un territorio vasto ed eterogeneo. Dalle pagine del bilancio di previsione emerge chiara la volontà di mantenere un’elevata qualità dei servizi, incrementare le risorse destinate all’istruzione, alla sfera sociale, alla cultura, agli investimenti tesi a riqualificare spazi e immobili pubblici sul piano della sicurezza e dell’innovazione, della sostenibilità e dell’efficientamento energetico”.

    “Abbiamo deciso di congelare la pressione fiscale e confermare le aliquote e le detrazioni rispetto all’anno precedente – annuncia il sindaco Paolo Sottani – sono bloccate Imu, addizionale comunale Irpef, ferma già da molti anni, Tosap e imposta sulla pubblicità anche per le tariffe dei servizi a domanda individuale non abbiamo previsto adeguamenti”.

    Un dato positivo, confermato dal bilancio di previsione, riguarda l’Imu e consiste nell’esenzione per il Comune di Greve in Chianti, che rientra fra gli enti ricadenti in aree montane o svantaggiate, a favore dei fabbricati strumentali all’attività agricola.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...