spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il borro di Uzzano si colora di rosso: forse un “tracciante” per trovare perdite

    In mattinata. Publiacqua: "Non siamo stati noi. Nessuna attività in zona, e poi usiamo colorante verde"

    GREVE IN CHIANTI – Il borro di Uzzano, che dalle colline sul lato sinistro di Greve in Chianti (venendo da Firenze) va a congiungersi con la Greve, a metà mattinata di oggi, sabato 29 febbraio, era del colore… che vedete nelle foto.

     

    "Stamani mattina – ci dice la persona che le ha scattate e diffuse – appena ho visto, ho fatto le foto ed ho subito avvisato la polizia municipale".

     

    Un rosso/arancio fortissimo: questa la colorazione del piccolo corso d'acqua che ha poi sevrsato la colorazione nella Greve.

     

     

    Attorno alle 11.30 il borro era infatti già "rischiarato". Il colorante rosso, da una prima e accreditata ipotesi potrebbe essere un "tracciante" per indagini in ambito idrico (scappato di mano in quanto a quantità…) si è poi spostato a valle, lungo la Greve.

     

    Molto probabilmente da un privato, perché "Publiacqua – fa sapere a tal proposito il gestore idrico – non ha utilizzato nella zona indicata, o a monte di essa, nessun colorante finalizzato a trovare perdite su acquedotto o fognatura".

     

    "Oltre a ciò – conclude Publiacqua – segnaliamo che il colorante utilizzato dai nostri tecnici è di color verde e non rosso come quello ritratto nella foto".

     

    Anche dal Comune di Greve in Chianti arriva la conferma che si tratti di un "tracciante" per trovare le perdite. Sarebbe stato individuato anche il punto di sversamento ed effettuato il prelievo di un campione di acqua.

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...