spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Era stato raccolto nella zona intorno a Chiocchio: grandi feste al “ricongiungimento”

    Era stato ritrovato nelle campagne attorno a Chiocchio: stiamo parlando del boxer fulvo, maschio (vedi foto). Orecchi integri coda amputata, per il quale anche il Gazzettino aveva fatto un appello per cercare di ritrovare i padroni.

     

    Non aveva il microchip ma un tatuaggio che col tempo si è sbiadito; si leggeva solo un numero "22"… . Dopo ore e ore di attesa, finalmente la telefonata giusta alle persone (Enrica e Lucilla, davvero eccezionali) che lo avevano ospitato, prima di consegnarlo alla polizia municipale di Greve in Chianti e da lì partire con la trafila che lo avrebbe portato in canile.

     

    Contattate dai proprietari (che vivono al Ferrone e che sono stati avvisati da una ragazza che conosceva il cane ed ha visto la foto pubblicata su Facebook), pochi minuti fa c'è stato il tanto agognato "ricongiungimento". Con tanto di lacrimuccia, sia da parte dei padroni del cane, sia da parte di coloro che in questi giorni si sono presi cura di lui.

     

    Lui si chiama Whisky ed ha ben undici anni: era scappato per capodanno, probabilmente spaventato dai botti. Una storia a lieto fine che fa sorridere all'inizio di questo nuovo anno, per la quale c'è da segnalare anche la grande gentilezza del corpo di polizia municipale di Greve in Chianti e dell'associazione "Adotta un boxer per la vita onlus", che lo avrebbe comunque tenuto in stallo per non farlo finire in un canile.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...