spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La casa della famiglia Fallaci di Pile è in vendita: siamo andati a vederla

    In realtà gli anziani del posto ci hanno detto che questa era la casa... del contadino che curava i terreni dei Fallaci

    PILE (GREVE IN CHIANTI) – Non vogliamo naturalmente sostituirci alle agenzie immobiliari, quell’annuncio su una rivista specializzata nella vendita di case ha suscitato… un certo interesse.

     

    Poiché la casa in vendita è appartenuta alla famiglia della scrittrice Oriana Fallaci e si trova nella frazione di Pile, a pochi chilometri da Lamole, nel comune di Greve in Chianti. E la notizia, come spesso accade per le cose che riguardano Oriana, ha creato clamore.

     

    Siamo andati così a “curiosare” e abbiamo scoperto che in realtà questa bellissima casa colonica con fienile annesso, come ci hanno detto gli anziani del posto, era la casa dove vi abitava il contadino che curava le terre della famiglia Fallaci.

     

    Il punto è davvero incantevole con vista mozzafiato sul Chianti. Un piccolo borgo fatto di case coloniche, oggi ristrutturate nel massimo rispetto del luogo e ben curato in tutti i minimi particolari.

     

    A proposito, la richiesta è di 850mila euro… .
     

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...