spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il 26 luglio amici e clienti ospiti (come da tradizione) di Stefano Rossini

     

     

     

     

     

     

    FERRONE (GREVE IN CHIANTI) – Un furgone carico di delizie, dal lampredotto alla porchetta, su cui domina "Marchino", il re del panino, al quale ruotano intorno la moglie e i figli in una sorta di danza del darsi daffare.

     

    Di fronte al furgone un tavolone pieno di ogni ben di Dio, tutte cose rigorosamente toscane: dalle salsicce con i fagioli al lesso rifatto con le cipolle, dalla lingua con la salsa verde al lampredotto in inzimino. E intorno tavoli e panche per sedersi e gustarsi il tutto in santa pace.

     

    Potrebbe essere la scena di una sagra di paese, in realtà siamo nel piazzale de "La Falegnameria", al Ferrone (lato Greve in Chianti). Dove il proprietario, Stefano Rossini, venerdì 26 luglio è tornato con la sua tradizionale cena di saluto estivo ad amici, colleghi, clienti, dipendenti.

     

    Un modo davvero singolare per mantenere i rapporti, nel puro stile dell'imprunetino Rossini: allegro, solare, diretto, sincero. Cosa c'è di meglio di una bella tavolata per stare assieme, rinsaldare i legami, fare squadra anche in momenti difficili come quelli che stiamo vivendo?

     

    Si guarda con ottimismo al futuro anche così, con la cena davvero speciale nel piazzale de "La Falegnameria". Dove il cibo e il vino sono genuini e la stretta di mano è ancora considerata un valore supremo.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...