spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In 200 a tavola a Strada in Chianti: il ricavato va all’asilo della frazione

     

     

    STRADA IN CHIANTI (GREVE IN CHIANTI) – Ci sono persone che non se ne vanno mai: anche se non sono più con noi, anche se un destino crudele le ha strappate ai loro affetti su una curva affrontata in moto chissà quante volte. Anche se non c'è più un contatto, una battuta, una risata. Rimangono. Per sempre.

     

    E' il caso di Lorenzo Ricci, detto "I' Moro": se n'è andato l'anno scorso, in un terribile pomeriggio alla curva di Montagliari, mentre con la sua amatissima moto risaliva su, verso Panzano in Chianti. Aveva 25 anni Lorenzo, un'età in cui è banale dire che si ha ancora tutto davanti. Ma è così.

     

    Un legame forte quello di Lorenzo con gli amici. Speciale. Hanno lavorato in tantissimi per organizzare la splendida cena di sabato 8 giugno a Strada in Chianti, quando in 200 persone si sono ritrovate a tavola per ricordarlo. Tutti assieme, dalla cucina alla sala, con un intento benefico: il ricavato è infatti andato a sostegno della scuola materna stradese.

     

    Hanno partecipato in tantissimi, compresi i commercianti del paese che hanno messo a disposizione dei premi per la lotteria. E gli amici di Lorenzo si sono confrontati, come mai avevano fatto prima, con l'organizzazione di una cena per tantissime persone. Fra verdura da pulire e pentole da controllare, piatti da preparare, un po' di tensione per la voglia che andasse tutto bene.

     

    Ed è andato tutto bene (poteva essere altrimenti?). Quando ci sono affetto, passione, solidarietà, amore, niente può girare storto. Ed è questo quello che si è percepito dalla cena a Strada in Chianti in ricordo di' "Moro". Amore.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...