spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A pochi giorni dalle urne, un gruppo di iscritti si organizza a sostegno della candidatura

    GREVE IN CHIANTI – Quasi all'ultimo tuffo, sul classico filo di lana: ma anche Greve in Chianti adesos ha il "Comitato per Gianni Cuperlo Segretario".

     

    "Le donne e gli uomini di sinistra hanno costituito anche a Greve in Chianti  il Comitato per Gianni Cuperlo Segretario del Pd – dicono –  partendo dal risultato incoraggiante e forse insperato, ottenuto senza alcuna attività organizzata, alle primarie degli iscritti durante la fase congressuale dei circoli".

     

    "Il Comitato grevigiano per Gianni Cuperlo – tengono a sottolineare – è nato spontaneamente, da un gruppo di iscritti al circolo Pd di Greve in Chianti accomunati dalla voglia di avvicinarsi o tornare alla politica in un partito che, pur nelle difficoltà discute e si dimostra vivo. Ringraziamo intanto i numerosi cittadini che hanno sostenuto la lista di sinistra che fa riferimento a Cuperlo".

     

    "In vista delle primarie aperte a tutto il popolo del Pd – annunciano – organizzeremo iniziative per raccogliere intorno al candidato segretario Cuperlo il consenso più ampio possibile per portare avanti quei valori per cui il Pd era nato prendendo spunto dalla storia della sinistra italiana: valori, ideali ed obiettivi che oggi sembrano davvero lontani dall'orizzonte del  Partito democratico".

     

    "Tutti coloro che sono interessati a dare un contributo di idee e di lavoro – concludono sono invitati a contattarci. Ci troverete ai mercati di Greve, Panzano, Strada e San Polo oppure telefonando al 333/6103387".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...