spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Referendum: domenica 6 novembre serata del Comitato del NO a Strada in Chianti

    Buffet e a seguire dibattito con un giurista e una deputata: "Dedicato soprattutto a chi vuole informarsi"

    STRADA (GREVE IN CHIANTI) – Nuovo incontro del Comitato del NO al referendum costituzionale domenica 6 novembre a Strada in Chianti.

     

    Dopo l’incontro di domenica 23 ottobre alla casa del popolo di Greve, ospiti il professor Vizioli dell’Università di Siena, il vicepresidente provinciale dell’Associazione nazionale partigiani Remaschi, e la senatrice Petraglia, il Comitato del NO di Greve in Chianti organizza, spiega,  "un nuovo incontro per parlare della riforma costituzionale Renzi-Boschi- Verdini".

     

    L’appuntamento è per domenica 6 novembre presso il Centro civico di Strada in Chianti. La scaletta è la seguente: alle 19.45 buffet offerto dal Comitato per il NO; alle 21 illustrazione delle ragioni del NO da parte di Luca Benci, giurista, e Marisa Nicchi (in foto), deputata, e soprattutto spazio per interventi, domande, dubbi.

     

    "Il voto del 4 dicembre – spiega il Comitato – rappresenta uno spartiacque, siamo noi cittadini che diremo l’ultima parola, per questo è fondamentale essere consapevoli di ciò che andiamo a respingere o ad approvare. Consapevolezza che si acquisisce innanzi tutto conoscendo sia i 47 articoli che il governo propone di cambiare, sia le possibili conseguenze della modifica".

     

    "Per questo – concludono – ci auguriamo che ci sia ampia partecipazione di tutti i cittadini, soprattutto di coloro che si pongono domande e hanno dubbi, ma non trovano persone con cui interloquire".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...