spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Crollo nella notte a Panzano in Chianti: viene giù il tetto di una porzione di immobile comunale

    Inizialmente si temeva si trattasse della Sala delle Capriate, dove si è spostata la scuola per tutto l'anno. Le rassicurazioni del sindaco Paolo Sottani

    PANZANO (GREVE IN CHIANTI) – Erano passate da poco le tre di questa notte quando il tetto di una porzione di immobile di proprietà del Comune di Greve, a Panzano in Chianti, è crollata.

    Ed è bastato poco per dare avvio al passaparola, che a venire giù fosse stata la copertura della Sala delle Capriate, in cui i bambini, spostati dalla scuola di Panzano che è in corso di ristrutturazione, hanno svolto le lezioni per tutto l’anno.

    A rassicurare però su quanto accaduto è il sindaco, Paolo Sottani, che è andato sul posto in piena notte, per verificare direttamente.

    “La parte di tetto venuta giù – inizia – è in un angolo dove c’è un deposito materiali: la scuola è in totale sicurezza”.

    “Alle 3.15 ero lì – prosegue – insieme ai vigili del fuoco e ai dipendenti del Comune. Inizialmente era stato detto che si tratta del tetto delle Capriate. Ma invece è, come detto, un angolo che non ha niente a che vedere con l’edificio della scuola”.

    “Si tratta – dice ancora – di una parte del tetto dell’immobile che in passato non è stata interessata da ristrutturazioni che invece hanno riguardato tutto il resto”.

    “Faremo quindi una ordinanza di inagibilità – annuncia Sottani – solo per quella parte. E anche per il piano di sotto (dove vengono fatte le prove della banda di Panzano)”.

    “Solo quella porzione dell’immobile comunale – conclude – sarà inaccessibile. Fino a che non saranno fatte tutte le verifiche del caso”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...