spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 9 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dal 19 aprile ha riaperto al pubblico la sala di consultazione della biblioteca di Greve in Chianti

    L'accesso avviene esclusivamente su prenotazione, che potrà essere fatta telefonando al numero 0558546433 entro le ore 18 del giorno precedente

    GREVE IN CHIANTI – Da lunedì 19 aprile riapre l’accesso alle sala di lettura, con orario a tempo pieno, della biblioteca comunale “Carlo e Massimo Baldini”, a Greve in Chianti.

    L’accesso avviene esclusivamente su prenotazione, che potrà essere fatta telefonando al numero 0558546433 entro le ore 18 del giorno precedente.

    Per garantire il distanziamento, al momento è possibile l’accesso fino ad un massimo di 25 persone.

    I posti verranno assegnati dagli operatori tramite l’attribuzione di un numero ed è vietato utilizzare un posto diverso da quello comunicato. La sanificazione della postazione sarà a cura dell’utente.

    Le prenotazioni potranno essere fatte al numero 0558546433 per le seguenti fasce orarie:

    – fascia oraria della mattina: 9-14 (dal lunedì al venerdì);

    – fascia oraria del pomeriggio: 14-19 (dal lunedì al venerdì);

    – fasce orarie ridotte per un minimo di 2 ore.

    Gli utenti sono tenuti ad indossare le mascherina per tutto il tempo che resteranno in biblioteca.

    Inoltre è obbligatorio il rispetto della distanza interpersonale di sicurezza, non inferiore ad 1 metro.

    Informazioni

    ⏰ Orario di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì 9-19. Sabato chiusa.

    ☎️ 0558546433

    📩 biblioteca@ comune.greve-in-chianti.fi.it

    ⌨️ https://www.comune.greve-in-chianti.fi.it/ps/s/biblioteca

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua