spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Domenica 15 gennaio il nuovo vescovo di Fiesole in visita al Poggio alla Croce e a San Polo in Chianti

    Monsignor Stefano Manetti sarà alle 9.45 alla celebrazione della Messa al Poggio alla Croce. Alle 11 a quella di San Polo. Dove incontrerà anche le associazioni del territorio

    GREVE IN CHIANTI – Visita pastorale a Poggio alla Croce e a San Polo in Chianti per il nuovo vescovo della Diocesi di Fiesole, Monsignor Stefano Manetti.

    Domenica 15 gennaio sarà al Poggio alla Croce per la celebrazione della Santa Messa delle 9.45.

    A seguire, alle 11, sarà alla celebrazione della funzione domenicale a San Polo in Chianti.

    Poi incontrerà le realtà locali, in particolare quelle associative, come il presidente della Pubblica Assistenza di San Polo Paolo Michelotti, il presidente della SMS di Poggio alla Croce Carlo Viviani Della Robbia.

    E anche il sindaco di Greve in Chianti, Paolo Sottani, durante un pranzo conviviale organizzato dal parroco locale don Martin (alias “don Martino”).

    Il vescovo Manetti si è insediato a Fiesole nell’aprile 2022, proveniente dalla Diocesi di Montepulciano, Chiusi e Pienza .

    Nato a Firenze nel 1959, è stato ordinato sacerdote nel 1984.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...