spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Don Vittorio Nannicini, dieci anni fa l’addio al sacerdote: due Messe in ricordo il 13 e 14 giugno

    La prima a Cetica, nel Valdarno. La seconda, lunedì alle 21, nella chiesa di Poggio alla Croce. Qua fu, infatti, un parroco molto amato

    POGGIO ALLA CROCE-SAN POLO (GREVE IN CHIANTI) – Erano passate da poco le 8 del 14 giugno di dieci anni fa (correva l’anno 2011) quando una triste notizia raggiunse le comunità di Poggio alla Croce e di San Polo in Chianti.

    Era infatti deceduto l’amatissimo parroco, don Vittorio Nannicini. Era nato a a Castel San Niccolò (Arezzo) nel 1939. Dal 1969 era parroco di Poggio alla Croce .

    Insegnante ai Salesiani e con incarichi presso la Curia Vescovile di Fiesole, era un parroco aperto al dialogo e una persona che aiutava a credere nella misericordia di Dio.

    “Ci saranno due ricorrenze per ricordarlo e perché, da lassù, preghi per tutti noi” dice il presidente della SMS di Poggio alla Croce, Carlo Viviani Della Robbia.

    Alle 16 di domenica 13 giugno ci sarà una Santa Messa nella chiesa di Cetica, nel Valdarno, prima “patria” di don Vittorio.

    Poi, lunedì 14 giugno, alle 21 un’altra Messa in ricordo. Stavolta nella chiesa del Poggio alla Croce.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...