spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Elezioni a Greve in Chianti, ufficiale il secondo candidato sindaco. E’ Filippo Pierini, guiderà una lista civica

    Si chiamerà Immagina Greve: "Siamo un'idea. Pensiamo che la società e la sua amministrazione possano avanzare insieme"

    GREVE IN CHIANTI – E’ Filippo Pierini, commerciante in “borgo”, il secondo candidato sindaco ufficializzato a Greve in Chianti in vista delle elezioni amministrative di giugno.

    In passato consigliere comunale e assessore, 49 anni, sposato, una figlia.

    Guiderà una lista civica dal nome Immagina Greve, che la prossima settimana svelerà anche il simbolo.

    E che si presenta così: “Siamo il progetto Immagina Greve, non siamo un partito e non siamo una lista, un elenco di nomi con i socialisti in testa, nemmeno una fila di sorrisi nella foto o nella storia di Instagram, siamo proprio un’idea”.

    “Seguiteci sui social – proseguono – e cercateci per il paese, nelle prossime settimane vi faremo conoscere il nostro candidato sindaco, le persone che hanno accettato di essere in questa follia e il nostro programma, ricco di idee. Pensiamo che la società e la sua amministrazione possano avanzare insieme”.

    “Siamo la convinzione – rilanciano – che le scelte debbano essere guidate dall’evidenza dei dati, che le tradizioni siano la fionda da cui partiamo, ma che la destinazione sia la realtà di oggi, ovvero una inesauribile fonte di possibilità che devono essere utilizzate”.

    “Non temiamo il presente e nemmeno il futuro – incalzano – perché insieme uniamo le competenze che coltiviamo ogni giorno; non temiamo la tecnologia, la scienza, la musica, perché abbiamo imparato a scovare i tranelli delle ideologie”.

    Immagina Greve, simbolo in costruzione

    “La scuola, le strade, le piazze – elencano – le persone con diverse abilità, i boschi, i turisti, l’agricoltura, le manifatture, il cibo, la ricerca, le biblioteche, i concerti i libri, i tablet, gli smartphone, le libertà, tutti hanno un posto preciso in questa idea”.

    Puntano l’attenzione, intanto, su tre ambiti: “Siamo sempre di meno, negli ultimi dieci anni stiamo diventando così pochi da rischiare di avere scuole bellissime ma vuote, e non è proprio così ovunque”.

    “Abbiamo visto che il clima che cambia non è un problema che non ci riguarda – sottolineano – anche se tra poco ci consentirà di coltivare avocado e mangiare guacamole a volontà, ma potrebbe diventare l’opportunità di sviluppo che ci aiuterà a risolvere il primo problema, se saremo disposti ad aprirci alle novità”.

    “Infine – dicono ancora – ci siamo accorti che è difficile trovarvi in giro, mischiati ai turisti che ormai sappiamo accogliere benissimo, non ci siete e quando finisce il sole, cala la nebbia e divenite invisibili. Forse servono piazze più belle e magari un invito urbano a riprendervi le strade ed anche a farle arrivare più veloci alle cose che facilitano la vostra vita o la riempiono di bellezza”.

    “Insomma – concludono – con noi c’è tutto da perdere, lo sappiamo; nessun confine sicuro di partito, nessuno schema che ci renda sicuri di aver ragione, nessuna associazione alle spalle, ci siamo solo noi e questa folle idea di potercela fare. Pensateci, perché domani è già qui, nelle nostre mani. Potete contattarci al 3533918684, immaginagreve@gmail.com, ci trovate mercoledì prossimo dalle 21.30 alla casa del popolo di Greve“.

    A breve arriveranno anche novità dal centrodestra e dal MoVimento 5 Stelle: alla fine, con Pierini e Paolo Sottani, i candidati sindaco alle urne l’8 e 9 giugno potrebbero essere quattro.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

     

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...