spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Eno-Formaggioteca Gastronomia GiaBaR: un “viaggio” nei sapori di un luogo del gusto e della curiosità

    I salumi casentinesi di Pertichini, i formaggi di Vittorio Beltrame o il Bitto di Alfio Sassella. I tartufi di Acqualagna, le conserve marchigiane. E poi i vini...

    GREVE IN CHIANTI – Dopo due giorni di chiusura oggi, venerdì 23 settembre, riapre l’Eno-Formaggioteca Gastronomia GiaBaR, a Greve in Chianti.

    “Questa settimana vogliamo ripercorrere un po’ tutto quello che abbiamo fatto fin qui – dicono Barbara, Giacomo e Raul – Serate a tema con degustazione vini, menù speciali per dei prodotti di stagione arrivati freschi e tante tante serate di convivialità, musica, divertimento e relax”.

    “Vogliamo anche ricordare – proseguono – la grande disponibilità di prodotti di qualità che potete venire a comprare nella nostra bottega. Partendo dai salumi, dove abbiamo una grande selezione di specialità territoriali, come i salumi casentinesi di Pertichini, per arrivare fino ai salumi di Sauris, in provincia di Udine”.

    “I formaggi, che sono una parte fondamentale della nostra bottega – dicono – abbiamo una selezione di prodotti, scelti da noi dopo aver visitato le aziende, averli assaggiati ed aver apprezzato anche la filosofia che precede la produzione”.

    “Tra i vari formaggi – proseguono – vogliamo annoverare Vittorio Beltrame, un caseario marchigiano, definito il “Poeta dei Formaggi”. Aver assistito all’apertura delle fosse è un’esperienza indimenticabil. E poi abbiamo anche il Bitto di Alfio Sassella, un formaggio d’alpeggio, fatto con quasi solo latte crudo munto da Vacche brune Svizzere. E tante altre specialità”.

    “Provenienti da Acqualagna, la terra promessa del tartufo – afferma Giacomo – abbiamo il Tartufo Nero Scorzone e delle salse come la Tartufella o la Salsa della Susi, entrambe a base di tartufo ed il Burro del Tartufaio. Abbiamo le conserve di Nonna Maria, un’azienda marchigiana della quale potete trovare la passata di pomodoro ed i pelati, le erbe spontanee sottolio, le fave sottolio e la Cipolla Rossa di Pedaso, che è un presidio Slow Food”.

    E ancora, “il Miele San Martino di Domenico e Corso, una piccola azienda che si trova poco prima di Grassina nella quale su punta ad una produzione di qualità nel massimo rispetto delle api e del territorio”.

    “Pasta e farine delle migliori – spiegano – come il Mulino Val D’Orcia una realtà di Pienza, facente parte dell’Azienda Agricola Grappi Luchino, dove coltivano grani antichi. Li macinano a pietra ed oltre alle farine, avendo un piccolo pastificio producono, pasta trafilata al bronzo con tempi di essiccazione lentissimi. Abbiamo farine tipo 1, tipo 2 ed Integrale della Varietà Varna, una farina delicata ma squisita, che sarò felice di aiutarvi ad utilizzare con consigli e ricette, poi il Senatore Cappelli, di Grano duro e la farina di Ceci. Pasta del Pastificio Ducato Amalfi, una giovane start up di sole donne nel territorio di Gragnano”.

    “E tantissimi altri prodotti – concludono – per non parlare della magnifica selezione di vini. Vi aspettiamo a comprare i nostri prodotti o per venire a degustarli direttamente da noi. Siamo aperti dal martedì al sabato dalle 12 alle 15 e dalle 17 alle 23.30. Mentre la domenica dalle 12 alle 23.30, orario continuato, vi aspettiamo, chiamateci al numero 3898863850 e seguiteci sulle nostre pagine social”.


    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...