spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Entro il 31 dicembre due-tre medici di famiglia in pensione a Greve in Chianti

    Il consigliere comunale Giuliano Sottani: "Se la Regione non interviene 5.000 cittadini rischiano di vivere un dramma"

    GREVE IN CHIANTI – “Entro il 31 dicembre vanno in pensione due medici di famiglia a Greve in Chianti. o forse addirittura tre”.

    A far suonare l’allarme su un passaggio mai scontato né banale, è il consigliere comunale di opposizione Giuliano Sottani.

    “Recentemente – prosegue Sottani – i medici di famiglia sono stati passati da 1.500 a 1.800 assistiti, ma se non verranno prese decisioni urgentissime con il determinante intervento della Regione Toscana, soltanto 9.000 residenti nel nostro comune continueranno ad avere assicurata la necessaria assistenza del medico di famiglia”.

    “Per oltre 5.000 residenti sarà un dramma” ammonisce il consigliere comunale.

    “Come ho fatto durante il consiglio comunale – fa sapere Sottani – chiedo un intervento immediato del sindaco e della giunta”.

    Suggerisce di “formare una delegazione (e se desiderato con la presenza delle minoranze) ed incontrarsi subito con l’assessore competente della Regione Toscana”.

    “Raccomando di prendere questa proposta – conclude – con la massima serietà”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...