spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Publiacqua: “Le ultime analisi hanno dato esito negativo sui parametri chimici e biologici”

    FERRONE (GREVE-IMPRUNETA) – "L’acqua erogata in località Il Ferrone è di nuovo utilizzabile anche a fini alimentari".

     

    A dare l'atteso annuncio è Publiacqua: "Dopo giorni di lavoro dei tecnici e di analisi del nostro laboratorio si risolve il problema di potabilità causato dall’esondazione del fiume Greve dei giorni scorsi". 

     

    Le ultime analisi effettuate dal laboratorio di Publiacqua hanno dato esito negativo sia sui parametri chimici che su quelli biologici e termina quindi oggi l’emergenza acqua per la frazione che insiste sul territorio dei due comuni di Greve in Chianti e Impruneta.

     

    "Ricordiamo – conclude il gestore idrico – che i lavori idraulici di riparazione e pulizia degli impianti di potabilizzazione a servizio della località Il Ferrone coinvolti lunedì dall’esondazione del fiume Greve erano terminati nel tardo pomeriggio di martedì. Fin dalle prime ore dell’emergenza Publiacqua aveva messo a disposizione dei cittadini un’autobotte con rastrelliera".  

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...