spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un’altra foto-testimonianza da parte di un nostro lettore. Ecco tutte le immagini

    FERRONE (GREVE IN CHIANTI) – Uno dei "nodi" principali dell'alluvione che lunedì 21 ottobre ha devastato la valle della Greve è, probabilmente, il contestatissimo cantiere della zona artigianale del Ferrone, fermo ormai da anni.

     

    Ma, in alcune sue parti, costruito: come il muro in cemento armato nell'area di Molamezza, che ha fatto come "diga" a una parte di Greve in piena.

     

    Le foto che vedete qui sopra ce l'ha inviate un nostro lettore, uno degli alluvionati del Ferrone, Lorenzo Querini: "Sono il proprietario dell'abitazione localizzata a ridosso del muro di cemento armato sovrastato dal "famoso" cantiere chiuso da tempo. Ed ecco i danni causati dall'esondazione".

     

    E basta guardare la riga lasciata dal fango e dall'acqua per capire cosa ha dovuto patire questa famiglia… .

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...