spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ferrone: un gruppo di famiglie costrette a un “cross” nel bosco per raggiungere casa

    Una lottizzazione, vicina alla loro, abbandonata. La strada (che era il loro accesso) franata. I loro sotto servizi esposti. Una situazione che crea ansia e rabbia

    FERRONE (GREVE IN CHIANTI-IMPRUNETA) – Oggi vi portiamo al Ferrone, in via Staffolani e cerchiamo di raggiungere un complesso di abitazioni, denominato “Il Casalone”.

    Per arrivarci troviamo la strada principale sbarrata da alcune transenne. Seguendo una stradina che si addentra nel bosco riusciamo, grazie ad un mezzo un po’ rialzato, a raggiungere le quattro famiglie che vi abitano.

    Troviamo tutti i residenti, Luca Carbonaro, Roberta Alderighi, Maitè Beltran, Valentina Ditommaso, Jacopo Lenzi e Leonardo Magini, che ci aspettano su quella che era la strada di accesso.

    Guardando oltre le transenne, si vede sulla sinistra una lottizzazione abbandonata, circa 10 metri più in basso rispetto alle loro abitazioni.

    E la strada che costeggia questa lottizzazione, che era la loro strada di accesso alle case, completamente franata ed assolutamente non percorribile, neanche a piedi.

    “Ormai sono 9 anni che combattiamo con questa frana, e per cercare una soluzione che ci permetta di arrivare a casa senza paura o senza dover fare cross nel bosco” con queste parole comincia il loro racconto.

    “Questa frana – proseguono – interessa anche tutti i nostri sottoservizi, che sono attualmente esposti, e ci mantiene in uno stato di costante apprensione, dato che l’eventuale cedimento delle tubature degli scarichi comporterebbe la revoca dell’abitabilità per tutte le nostre case”.

    “Non vogliamo in questa sede ripercorrere tutte le vicissitudini che abbiamo passato – spiegano ancora B basti sapere che già una volta, di tasca nostra, abbiamo fatto un intervento di stabilizzazione della strada, con un esborso importante, quando certo non è nostra la colpa della frana. E non è neanche un caso sfortunato”.

    “Nel 2020 purtroppo è nuovamente franato tutto – prosegue il racconto – con il supporto dell’amministrazione comunale di Greve in Chianti abbiamo potuto attivare e rendere carrabile una stradina che passa nel bosco e cercato una soluzione con tutti i soggetti in causa”.

    “La condizione attuale però – puntualizzano – non può essere definitiva, proprio perché tutti i nostri sottoservizi, al momento sono esposti sulla frana. Assicurati a degli alberi con delle funi”.

    “Siamo nuovamente disposti a reinvestire ulteriore denaro per l’unica altra soluzione che abbiamo trovato – specificano – ma non riusciamo a comunicare con le parti in causa. La situazione è complessa, ne siamo consapevoli, ma chiediamo all’amministrazione comunale di aiutarci a trovare una soluzione in tempi brevi”.

    “Nell’indifferenza burocratica – concludono – abbiamo raggiunto le nostre case a piedi per circa 4 anni, speso soldi per rimediare ad errori di altri, fatto traslochi a spalla. E ora che è arrivato anche un neonato, non vogliamo essere costretti ad abbandonare le nostre case”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...