spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 30 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le riflessioni del candidato di Centrosinistra per Greve: e non manca qualche… stoccata

    GREVE IN CHIANTI – Un percorso che si conclude, una sfida che si materializza: il candidato sindaco della lista centrosinistra per Greve in Chianti, Giulio Pecorini, traccia un bilancio dei suoi cinque anni in consiglio comunale con Sel. E riflette su quel che c'è da fare per il futuro del territorio grevigiano.

     

    "La sera del 29 aprile – inizia – con la votazione del bilancio consuntivo 2013, per me si sono chiusi questi 5 anni di impegno amministrativo come consigliere di un consiglio paradossalmente con una maggioranza divisa su temi importanti ma ancora compatta nel voto; i misteri della politica, oppure, più probabilmente, lo specchio dei cambiamenti politici che sono avvenuti in questi anni, specialmente nel campo del centrosinistra".

     

    "Noi abbiamo fatto parte della giunta presieduta da Alberto Bencistà – ricorda – e avremo modo nei prossimi giorni e settimane di fare un bilancio politico di questa esperienza, con le sue luci e le sue ombre, anche se noi questa, verifica l’avevamo chiesta al Pd prima ancora che si svolgessero le primarie ricevendone in cambio un silenzio assoluto e anzi, da parte di Paolo Sottani, anche un rifiuto rispetto ad una proposta di incontro pubblico, proprio su questo argomento, che gli avevamo rivolto".

     

    "Comunque – tiene a sottolineare – questi 5 anni sono stati per me fondamentali, sia nella vita privata che in quella pubblica, perché  da ragazzo sono diventato padre e marito, da analfabeta della politica sono diventato portavoce di un movimento di idee provenienti da partiti del centrosinistra e da cittadini non appartenenti a nessun partito che hanno prodotto, in maniera del tutto autonoma e partecipata, un programma politico-amministrativo vero, onesto, fattibile e concreto che, da venerdí sera con l'inizio dei nostri incontri pubblici da Panzano  sará sempre piú perfezionato con le proposte dei cittadini e delle associazioni".

     

    "Ecco perché ho accettato la mia candidatura a sindaco di questa lista – rilancia – Centrosinistra per Greve in Chianti con Giulio Pecorini è davvero un laboratorio di idee, libero da imposizioni partitiche composto da persone che portano avanti un progetto comunitario e non debitore verso nessuna “potente famiglia” grevigiana e non".

     

    "Siamo persone che fanno del volontariato – spiega –  l'impegno civico e lavorativo le fondamenta della nostra vita ed é con questo spirito che ci presentiamo alle prossime amministrative. Seguiteci su www.giuliosindaco.it o su Facebook ed aiutateci a migliorarci ed a migliorare questo territorio".

     

    "Concludo salutando e ringraziando tutte le persone con le quali sono venuto a contatto in questi 5 anni – dice infine Pecorini – partendo da chi mi ha dato la possibilità di vivere questa esperienza da consigliere, il mio partito e le persone che hanno espresso la preferenza alle passate elezioni; il sindaco e la giunta per il lavoro svolto e la dedizione al lavoro che hanno dimostrato; i consiglieri di maggioranza ed opposizione con i quali ho discusso e partecipato alla vita del territorio ed ultimi ma non per importanza i dipendenti comunali che mi hanno sopportato ed aiutato nello svolgimento delle mie funzioni".

     

    Questa sera a Panzano, presentazione della lista alle 21; domattina presso la sede del comitato elettorale in via Roma, 48 a Greve, ci sarà una mattinata di incontro con un piccolo aperitivo.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...