spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’assessore Secchi: “Circa 350 metri lineari di materiali. Adesso trovare i soldi e… fare i lavori”

    GREVE IN CHIANTI – Ancora furti di rame, ancora danni consistenti nei cimiteri del nostro territorio. E, quindi, per le casse comunali.

     

    Nella notte tra domenica 23 e lunedì 24 giugno è stato il turno del cimitero di Greve in Chianti, "che risulta particolarmente grave – dice l'assessore ai lavori pubblici Simone Secchi, sul posto per il sopralluogo questa mattina – per le quantità sottratte e per l'entità dei lavori di ripristino che ciò comporta. Sono state smontate e rimosse gran parte dei pluviali, delle calate e delle scossaline in rame provocando in alcuni casi anche danni alle strutture di supporto".

     

    "Da una stima effettuata dall'uffico tecnico la quantità di rame sottratto ammonta a oltre 500 kg – prosegue – corrispondenti a circa 350 metri lineari di elementi in rame. Il fatto più grave è che, a fronte di un'operazione compiuta in poche ore notturne, le operazioni di ripristino comporteranno all'amministrazione comunale opere molto impegnative, inereti, oltre il lavoro in sé, la messa in sicurezza del cantiere e le valuzioni tecniche preliminari".

     

    "Fortunatamente – conclude – nessun danno sembra essere stato fatto alle tombe. Le operazioni di ripristino impegneranno il Comune, che dovrà trovare la necessaria copertura economica, già a partire dalle prossime settimane".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...