spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Marzo 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E’ accaduto a San Polo: un uomo ha sentito dei lamenti. Erano in una busta sigillata

    SAN POLO (GREVE IN CHIANTI) – A voler vedere il bicchiere mezzo pieno, due si sono salvati e hanno pure trovato una famiglia che, nelle prossime settimane, li accoglierà.

     

    A volerlo veder mezzo vuoto (o forse ad essere semplicemente realisti), si può solo indignarsi perché qualcuno, protetto dall'anonimato, nelle scorse settimane ha aperto un cassonetto in via Benvenuto Cellini, a San Polo in Chianti, e vi ha gettato un sacchetto ben sigillato con sei gattini appena nati.

     

    Un uomo, che portava a spasso il proprio cane, ha sentito dei lamenti provenire da quel cassonetto. Ha chiamato un operatore ecologico di Quadrifoglio, che si trovava nelle vicinanze.

     

    Hanno aperto il cassonetto, scovato il sacchetto che, una volta strappato, ha svelato il suo contenuto.

     

    Tre dei sei gattini erano già morti. Gli altri sono stati portati alla clinica veterinaria aperta 24 ore al Galluzzo: un altro non ce l'ha fatta mentre due si sono salvati (li vedete nelle foto sopra).

     

    I due uomini hanno sporto denuncia contro ignoti, anche se sappiamo benissimo che in casi come questo è quasi impossibile rilasire all'autore del gesto.

     

    Che rimane un gesto pieno di ignoranza e barbaro. Anche perché si può sempre trovare il sistema di far adottare dei gattini. E noi del Gazzettino del Chianti… lo sappiamo bene.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...