spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Giorno della Memoria: a San Polo in Chianti si celebra sabato 29 gennaio con tre proiezioni

    Organizzate dal circolo Sms a partire dalle 15 nella "Saletta X zone": "Notte e Nebbia", di Alain Resnais; "Il figlio di Saul", di Laszlo Nemes; "Il cielo cade" di A. e A. Frazzi

    SAN POLO (GREVE IN CHIANTI) – In occasione del Giorno della Memoria (oggi, giovedì 27 gennaio) il circolo Sms di San Polo in Chianti, presso lo spazio “La Saletta X zone” (inaugurato con la mostra fotografica di “Cecchino”, Francesco Cerbolini) presenta una piccola iniziativa, spostata nel fine settimana, a sabato 29 gennaio dalle 15.

    “Questo – dicono gli organizzatori – per favorire chi è interessato a portare una pur simbolica testimonianza in un giorno così importante e sempre più attuale”.

    Sarà una proiezione che, partendo dalle 15, presenterà tre aspetti della “narrazione dell’indicibile”.

    Un documentario (“Notte e Nebbia”, di Alain Resnais); poi, alle 16, un film (“Il figlio di Saul”, di Laszlo Nemes).

    “Una pellicole che avrebbe dovuto essere una fiction – rimarcano ancora gli organizzatori – ma, per la straordinaria bravura del regista e degli attori,  si è trasformato in una sorta di sconvolgente testimonianza, premiata a Cannes e vincitore dell’Oscar 2016.

    E infine, alle 18, un film più piccolo (“Il cielo cade” di Andrea e Antonio Frazzi), ma lo stesso importante.

    “Perché narra – concludono dall’Sms di San Polo – un evento accaduto a pochi km da noi. Un fatto toccante tratto da un libro, scritto da Lorenza Mazzetti, che insieme alla sorella Paola fu  involontaria e dolorosa testimone della tragedia infinita”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...